Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - C'era una volta...


RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - C'era una volta...

Immagine 1
Sembra l’inizio di una favola, ma questa non è una favola e non ha un lieto fine.
La storia inizia qualche anno fa, quando, nell’ambito di un progetto denominato, mi sembra, “vado a scuola da solo” fra le altre cose, fu realizzato un percorso protetto che dalla Chiesa di S.Vittore portava alle Scuole elementari “Cantelli”. Robusti paletti in acciaio conficcati nella pavimentazione su entrambi i lati della Via Rosmini per terminare sul lato opposto alla Chiesa di San Giuseppe, in Piazza Fabbri, davano e danno tutt’ora un senso di sicurezza a chi transita. Contestualmente, hanno sempre impedito il parcheggio selvaggio delle auto, soprattutto lo sconfinamento verso il muro di Piazza Fabbri, garantendo uno spazio adeguato per il passaggio dei bambini e degli adulti diretti verso la Scuola elementare “Cantelli”. Ottima suluzione no?
Va bene, ma qual è il problema? Direte voi.
Il problema è che martedì 5 agosto 2013, in Piazza Fabbri, è stata esposta un’ordinanza di divieto di sosta per lavori.
Il giorno successivo sono intervenuti degli operai che hanno sradicato i paletti succitati e ripristinato il manto stradale.
Mi aspettavo che anche i paletti fossero messi in posizione, invece no. Spariti.
Mi piacerebbe sapere quale mente eccelsa ha avuto questa brillante idea, perché, come testimonia la fotografia allegata, le auto hanno ripreso possesso dello spazio lasciato libero dai paletti, con buona pace dei pedoni e delle carrozzine per neonati che vi transitano.
Dobbiamo anche qui fare una petizione contro questa idea idiota dal pessimo finale?
Chi è il responsabile? Il solito”Ulisse”?
Accusare questa amministrazione di abbandonare la città, pare non sia sufficiente. Anche quando qualcosa fa, lo fa nel modo sbagliato.

Mariano

Verbania 13 agosto 2013



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Alessandro accuse a chi???
Alessandro
16 Agosto 2013 - 11:05
 
condivido l'apostrofare questa vicenda come scellerata, quasi idiota, però non credo si possa addossare la colpa all'amministrazione fuggitiva. Ormai sono scomparsi da tanto tempo (per fortuna), quindi non credo siano stata responsabili anche di questo.
Piuttosto si devono ricercare le responsabilità in seno ai "superbi" tecnici che in comune albergano più o meno meritatatmente, pagati per progettare gli interventi, pagati per metterli in opera, pagati per controllare la qualità e la regolarità dei lavori.
Ma..... è vero, ormai siamo in campagna elettorale, e siamo anche tutti convinti di vincere, e quindi crediamo che con loro poi dovremo convivere per lungo tempo....... e allora è più comodo inventare responsabilità magari inesistenti che tirare fuori nomi e cognomi e chiedere conto del lavoro non fatto o fatto male....... benvenuta solita odiosa vecchia politica in seno a chi sbandiera il cambiamento e la novità.
Vedi il profilo di loredana bazzacchi già previsto
loredana bazzacchi
16 Agosto 2013 - 17:33
 
Altre segnalazioni con la stessa motivazione mi mi sono arrivate e mi è stato confermato dalla dirigente dell'ufficio tecnico che la protezione per i pedoni era già stata prevista e quantoprima verrà posizionata



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti