Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

PAGLIUZZA E TRAVE

 


Immagine 1


 


Certo un intervento innovativo quello a S.Anna, in via Case Nuove, richiamato nei giorni scorsi sui mezzi di informazione dall'ex assessore all'Urbanistica Marco Parachini. Edilizia popolare, contenimento energetico, tecnologia antisismica, tempistica ottimale coniugati secondo una concezione proiettata verso il futuro.


In proposito vorremmo indurre una riflessione su un paio di sue osservazioni comparse sulla stampa: "Bisogna cambiare mentalità. I costruttori tradizionali vanno stimolati all'innovazione" .

Perfetto. Non sappiamo ancora quali saranno le sue prossime mosse elettorali, certo è che queste affermazioni ce le annotiamo. Ce le annotiamo perché vorremmo comunque che il loro senso diventi davvero categorica linea guida di una politica territoriale non solo limitata alle edificazioni, ma soprattutto all'uso e al consumo del suolo. Che dovrebbe in verità essere trasversale ad ogni futuro schieramento.


Purtroppo tanta lungimiranza non è mai stata dimostrata finora, nemmeno con le ultime scelte urbanistiche, anzi, con le ultime Varianti al Prg portate proprio da Parachini in Consiglio Comunale, si sono ipotecati i destini delle restanti aree libere di territorio verbanese e il nostro timore è che verranno prese d'assalto non appena i sintomi della crisi accenneranno a diminuire, se succederà.


E nell'ardente speranza che davvero si possa rinascere, edilizia compresa, vorremmo che ciò avvenisse dicendo stop al consumo, allo spreco, allo scempio territoriale di cui Verbania è stata vittima e non solo negli ultimi anni e ok al riuso, alle riqualificazioni, alle ristrutturazioni, alla de urbanizzazione. Soprattutto in questa direzione c'è da lavorare, in questo senso "vanno stimolati i costruttori tradizionali". A Verbania abbiamo da sistemare tanti ruderi e tanta fatiscenza in continuo stato di regressione se vogliamo davvero andare nella direzione della "qualità" urbana e nel contempo ridare fiato al lavoro !


Ma certo che occorre "cambiare la mentalità" e i parametri economici: non si può più pensare di realizzare delle cubature da sballo in un fazzoletto di terra secondo visioni speculative. Certo occorrerà procedere per operazioni più ragionevolmente dimensionate e secondo una filosofia urbanistica improntata a maggior modestia e sobrietà.




1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Stefano Montani a proposito di ruderi ...
Stefano Montani
17 Giugno 2013 - 21:08
 
Condivido in pieno l'intervento di Marcella, soprattutto laddove sottolinea la necessità di fermare il consumo di suolo e di rivalutare l'edificato esistente. E, a proposito di ruderi, fino a quando dovremo sopportare l'immagine desolante di Villa Simonetta, dove un tempo soggiornò Garibaldi ed oggi soggiornano fatiscenza e squallore?



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti