Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

POTATURE: INTERPELLANZA

 


Immagine 1


 


Al Sindaco di Verbania


per il tramite del Presidente del Consiglio Comunale

 

Oggetto: Interpellanza consiliare - Potature


Premesso che:


- Negli ultimi mesi si è proceduto a parecchi interventi di potatura su diversi esemplari del patrimonio arboreo della nostra città (magnolie lungolago Intra, carpini via Renco, cedri Centro Sociale di Renco, ligustri corso Cairoli, tigli nel piazzale del Cimitero a Suna, cedro(?) in via Lussemburgo...);


- La maggior parte di essi si sono rivelati tali da suscitare perplessità e preoccupazione in relazione alla salute futura delle essenze, nonché alla loro funzione estetica;


- L'immagine della città è notevolmente regredita, non solo per i danni inesorabili del tornado, ma anche a causa di una mancanza di visione complessiva e organica per quanto concerne la realtà del verde pubblico urbano;


- Si è preso atto della relazione tecnica del consulente agronomo dott. Tovaglieri a chiarimento dell'intervento sui tigli di corso Nazioni Unite a Suna;


- Numerosi cittadini hanno espresso il loro disappunto dovuto alla constatazione che la città si sta pesantemente depauperando in termini quantitativi e qualitativi per quanto concerne la dotazione del verde;


Considerato che:


- il Comune è dotato di un apposito Regolamento per la Tutela del Verde Pubblico la cui finalità è" La conservazione, la valorizzazione e la diffusione della vegetazione in genere .... riconosciuti quali fattori di qualificazione ambientale e intesi come abbellimento della città ...";


- in detto Regolamento, l'art. 8 prescrive i criteri che presiedono


* alla manutenzione che "deve essere limitata al solo scopo di migliorare la vita biologica delle piante e nella salvaguardia delle persone" ,


* alla potatura di contenimento che è da evitare qualora una pianta si trovi in condizioni favorevoli al suo sviluppo o è ammessa, "solo di ritorno, seguendo le più moderne tecniche operative, per eliminare rami secchi o soprannumerari o male inseriti o di alleggerimento a causa di patologie degenerative in corso",


*  alla riduzione della chioma  che "non deve mai superare 1\3 dell'altezza totale della pianta" e alle tecniche ammesse che  "vietano la capitozzatura, il taglio di rami con diametro maggiore di 8 cm";


- a ulteriore chiarimento al Regolamento sono "allegate schede grafiche di modalità di esecuzione delle potature";


- ai primi segnali di potature improprie sui cedri del Centro Sociale di Renco, alla fine dello scorso anno, avevamo segnalato tramite mail al Sindaco il fenomeno in atto invitandolo a un sopralluogo in zona;


- le suddette motivazioni dell'esperto agronomo si soffermano solo su un caso specifico e non si ritengono esaustive per giustificare tutti i singolari e invasivi interventi effettuati in città;


Si interpella il Sindaco per sapere:


- se si sia mai reso conto realisticamente delle situazioni segnalate;


- quale tipo di programmazione sottintende tutti gli interventi suddetti;


- chi ha fornito indicazioni di metodo circa i vari tagli e ha poi controllato l'esecuzione degli stessi;


- se non ritiene che l'amministrazione debba intervenire affinchè episodi simili non abbiano a ripetersi al fine di conservare il decoro che la città merita in ambito di verde pubblico;


- se non sia il caso, almeno nell'ultimo anno di gestione, di dare un segnale di recupero dei danni che la città ha subito programmando interventi di ripiantumazione e individuando apposite zone atte allo scopo.


Verbania, 3 aprile 2013


 


Felice Iracà  Marcella Zorzit  Carlo Bava




1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Anna Maria Titon Potature \"selvagge\"
Anna Maria Titon
9 Aprile 2013 - 09:51
 
Condivido la interpellanza \"potature\"
Ho la sensazione che dopo il maltempo dell\'agosto 2012, la paura condizioni la gestione del \"verde\" in città e fuori città. Sembra che la maggiore attività degli alberi sia quella di \"cadere\"...
Si dimentica purtroppo che un albero sano oltre ad essere un patrimonio estetico e una sorgente di ossigeno, con il suo apparato radicale consolida il terreno prevenendo la formazione delle frane.
Uno studio di un ricercatore statunitense ha dimostrato l\'equivalenza tra la chioma e l\'apparato radicale sotterraneo della pianta.
La potatura inoltre è stata inventata dagli uomini e comunque se necessaria va fatta rispettando rigorosamente delle regole per non compromettere la salute stessa della pianta. Purtroppo potature di questo tipo richiedono mani \"esperte\" e sono costose. Quando non si vuole spendere, perchè non si ha conoscenza del grande valore degli alberi , è ovvio che una motosega è più economica....
Grazie per l\'attenzione
Anna Maria Dr. Titon



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti