Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

LA SOLITUDINE DEI SINDACI PRIMI

Scritto da Felice Iracà

Immagine 1

 


"Sarebbe stato preferibile e certamente più corretto confrontarsi su queste scelte, prima di diffonderle a mezzo stampa. Inoltre sarebbe stato più rispettoso nei riguardi di tutti i partiti che compongono la maggioranza, compreso Fratelli d'Italia che fin da subito ha dato al Sindaco Zacchera totale sostegno e disponibilità. Riteniamo non sia affatto utile creare un clima di tensione e nervosismo che non favorisce sicuramente l'azione dell'amministrazione nell'interesse della città e dei cittadini verbanesi. Il gruppo consiliare di Fratelli d'Italia che conta 9 consiglieri, risultando il gruppo di maggioranza relativa, ribadisce fiducia, stima e apprezzamento per il lavoro svolto da tutti gli assessori della giunta Zacchera, a cominciare da quelli espressione di Fratelli d'Italia e per l'azione del presidente del consiglio comunale Roberto Boldi, non senza peraltro esprimere il proprio disagio verso il Sindaco che preferendo la ribalta mediatica ad un sereno dialogo interno, ha dimostrato di aver poco rispetto e scarso spirito di condivisione verso i suoi primi e principali diretti collaboratori".


E' questo il documento ufficiale diffuso dai "Fratelli d'Italia", all'indomani della conferenza stampa nel corso della quale il primo cittadino ha preannunciato l'intenzione di ridurre il numero degli assessori da 10 a 6.


"Sono ormai incompatibili con la maggioranza. Dicano e facciano quello che vogliono, per quanto mi riguarda essi non fanno più parte della maggioranza consiliare": questa, invece, è la posizione di Marco Zacchera nei confronti dei Consiglieri Tambolla e Immovilli, rei confessi d'esser troppo spesso "bastian contrari" alla sua maggioranza.


Per dover di cronaca, e completezza espositiva a beneficio dei lettori, non possiamo certo scordare le vive polemiche del coloratissimo gruppo guidato dal Consigliere Scarpinato (chi non ricorda i suoi "assolutissimamente no!"), per il quale il primo cittadino meriterebbe addirittura "il premio nobel dell'incoerenza".


Si sa, la solitudine è sempre una brutta faccenda. Ma se tocca la sfera politica, poi, può divenire letale. Non per le maggioranze di governo, ma per i cittadini tutti, che ne pagano le dirette conseguenze.


A poco più di un anno dalla scadenza elettorale, il primo cittadino appare sempre più solo. E stiamo arrivando al preannunciato fatidico "taglio del nastro" del CEM all'Arena (14 aprile 2014, chi non ricorda?), il Sindaco di Verbania mostra tutta la sua nudità e debolezza politica. Ma proprio ora, proprio nel momento più cruciale ed importante del proprio mandato amministrativo, nell'ultimo anno in cui servirebbe serrare le fila e unire le forze per tirare la volata finale al voto, e spingere sino al punto di non ritorno l'ossessionante faraonico progetto del CEM, il Sindaco rimane incredibilmente solo. Il Re è nudo, direbbe qualcuno, solo e indivisibile, un semplice numero primo compresso da due contiguità nemiche.


Dopo quattro lunghi anni, ciò che rimane è un governo della città fatto di chiacchiere e illusioni, parole e visioni assolutamente irrealizzabili (chi non ricorda "Verbania capitale dei laghi europei"?), un programma elettorale degno del miglior romanziere vivente sulla faccia della terra, una lenta e inesorabile morìa di assessori e consiglieri, transfughi stanchi ed infelici d'un viaggio mai iniziato.


E allora, è forse il caso di farsene una ragione: d'altronde, volendo scomodare persino Milan Kundera, è proprio vero che "a condannare un uomo alla solitudine non sono i suoi nemici ma i suoi amici".




1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lucilla barletta il sindaco non sarà mai solo...
lucilla barletta
1 Marzo 2013 - 19:42
 
[size=medium][/size][i][/i] [color=blue][/color]Il sindaco non è solo ! Certo le innovazioni hanno in animo sempre un volo più alto. Senza idee ....si vola sempre piuttosto basso ... Il mio dissenso è espresso riguardo al termine \"solitudine\" stra-usato nell\' articolo .... a mio parere la chiamerei \"incomprensione\" che crea solo dibattiti e strade difficili da percorrere ... Chi è senza idee e\' sicuramente più solo ... solitudine che si cela dietro a chi pensa che sia il gruppo la migliore compagnia ... Mentre è solo appiattimento ... ovvero un vento contrario alle innovazioni!!! Volare un po\' più alto anche e purtroppo sfruttando il vento contrario .... questo è il mio augurio per il nostro sindaco! ops dimenticavo.. dulcis in fundo... non dimentichiamoci il periodo difficile di fine anno .. con i vari tentativi di accorpamenti provinciali con aree geografiche che non conoscono le problematiche di chi vive sul lago... ad es. navigazione, sicurezza dei trasporti su lago, turismo...che importa se non abbiamo più la vedetta dei vigili del fuoco .. così, ancora una volta, ci si barcamena ....nel vero senso del termine, tra chi non conosce i problemi reali e non ha tempo di risolverli... davvero... non meritiamo chi ha idee in proposito e non solo idee ma soluzioni pratiche ... ;-) coraggio Sindaco non sarà mai solo!!!





Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti