Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

SEMPLIFICAZIONI

Scritto da Livio Serafini


Immagine 1


Estrapolo da internet la notizia che un assessore alla salute della regione Toscana ha recentemente deciso l'eliminazione delle sigle difficili e delle indicazioni in inglese dagli ospedali affermando testualmente "togliamo i termini incomprensibili dagli ospedali,bisogna assolutamente semplificarli"



Sono perciò destinati a sparire, a breve  e senza tanti rimpianti, termini come surgery, triage o unit stroke insieme a sigle più o meno oscure quali UOC, SMRIA, UTIC e simili.


Se venissero eliminati anche i TICKET sarebbe il massimo, ma non si può avere tutto dalla vita!


Che bello sarebbe se tutti ci adeguassimo...se per esempio la mia banca evitasse di scrivermi "il servizio Tragin+ comprende il book a cinque livelli" o se  i servizi internet mi permettono di utilizzare "l'informativa a tempo ritardato del mercato EURO TLX", se i giornali rinunciassero a titoli zeppi di spending review, spread, due diligence e simili; in fondo per parlare di fregature si possono usare termini più terra terra, magari meno esterofili,  ma sicuramente più comprensibili, e sarebbe anche auspicabile che nelle riunioni di lavoro si evitassero i vari briefing, know how, freedback, imprinting e via discorrendo.


Ma anche ognuno di noi potrebbe fare la sua parte evitando certi neologismi assolutamente cacofonici quali chattare, badgettare o gossipparo, come pure sarebbe opportuno informarsi circa l'esatto significato di certe parole prima di utilizzarle a sproposito certi di fare la figura dell'erudito.


In un negozio ho sentito chiedere una radio a ONDULAZIONE di frequenza(!); una mia conoscente, molto piena di sè, mi diceva, ispirata, di amare il teatro perchè le dava un PAMPHLET di emozioni.


Più prosaicamente a Roma si dice "parla come magni", chissà forse il guaio è che mangiamo anche male, comunque sarà sempre meglio uno spuntino piuttosto che un fast food, un brunch o un happy  hour o una pausa caffè al posto di un coffee break,  Del resto, come diceva Battiato, "il giorno della fine non ci servirà l'inglese".


AUGURI VIVISSIMI A TUTTE E A TUTTI!!!




0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti