Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - LATITANZA E IMMOBILISMO

Immagine 1

 


Comunicato stampa del 31 ottobre 2012


La scorsa settimana, si sono tenute un paio di serate sui problemi della sanità del territorio, alle quali i Sindaci avrebbero dovuto essere interessati, anzi a nostro avviso, sarebbe stato opportuno che le stesse fossero organizzate dai Sindaci stessi, in quanto primi responsabili della salute dei propri cittadini.


Purtroppo si è dovuto costatare la loro scarsa presenza.


Azzardiamo l'ipotesi che non tutti fossero informati, che non tutti fossero disponibili quelle sere, che qualcuno non fosse interessato, resta il fatto però che la grande maggioranza dei Sindaci del Verbano risultasse assente.


Nessuno pretende che quando le Associazioni organizzano, i Sindaci debbano correre, ma visti gli argomenti, i cittadini avrebbero il sacrosanto diritto di sapere quali prospettive vi sono all'orizzonte.


A nessuno sfugge la latitanza di questi primi cittadini, anche perché la ribalta mediatica è molto generosa con i Sindaci dell'Ossola, i quali non hanno perso tempo e, consci del fatto che l'unione fa la forza, hanno già affrontato molti degli argomenti spinosi della Sanità producendo proposte e soluzioni condivise, a dispetto di ogni loro militanza politica. Infatti questi problemi debbono avere giustamente la priorità sulle divisioni ideologiche e di fazione.


E' ormai sotto gli occhi di tutti che la situazione nel Verbano, ma anche nel Cusio, non è e non è mai stata la stessa. L'immobilismo e l'incomunicabilità la fa da padrone, a dispetto delle aspettative dei cittadini.


Anche la lettera solitaria che il Sindaco di Verbania ha inviato ai vertici dell'ASL, ha il sapore amaro della rassegnazione se non della sconfitta. L'iniziativa doveva provenire dal territorio.


Si doveva affrontare unitariamente l'ASL con delle proposte, non chiedere di rendere pubbliche le loro intenzioni, pur sapendo che nel VCO, "non si muove foglia che Torino non voglia".


L'unione dei comuni, prevista anche da una legge, è terribilmente in ritardo sia nel Verbano che nel Cusio e non si vede all'orizzonte alcun movimento in proposito.


L'unione fa la forza e se qualcuno avesse ancora qualche dubbio segua ciò che sta avvenendo nell'Ossola.




0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti