Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

ATTO DI DISPERAZIONE DI UN CITTADINO


 


Immagine 1


 


"Disperazione": non c'è altra espressione che possa esprimere lo sdegno di un cittadino, soprattutto con problemi di salute, al quale viene chiesto da sempre, e ancora di più oggi, di capire la chiusura dei reparti di Rianimazione e Unità di Terapia Intensiva del nostro ospedale "Castelli" per "necessità assoluta".


Questa "necessita assoluta" è difficile da comprendere per chi vive la quotidianità secondo i principi dell'onestà e del rispetto delle regole.


Se necessità assoluta è il risultato dei buchi di bilancio locale, regionale o nazionale, noi cittadini non ci stiamo.


Non ci stiamo a veder fallire la nostra sanità, a pagare sempre di tasca nostra con tasse e disagi, non ci stiamo a vedere impuniti amministratori e dirigenti incapaci (o troppo capaci per i loro interessi personali).


Non ci stiamo a vedere che le conseguenze di queste incapacità vengano pagate solo dagli ammalati con la soppressione di doverose forme di tutela della salute, vengano pagate dal personale sanitario costretto a salti mortali, che compromettono la qualità lavorativa, e a misurarsi con l'insicurezza economica e l' incertezza del futuro.


E' fresca di oggi la notizia secondo la quale l'assessore alla sanità piemontese Monferrino ha paventato  il  fallimento dell'apparato regionale. Ora cosa ci aspetta?


La totale inadeguatezza della nostra sanità a curarci e/o la totale soppressione dei servizi pubblici a favore del privato?


A fronte di sprechi assurdi e visibili anche nella nostra realtà ( ci chiediamo ad esempio che senso abbia che alcune risorse della ASL VCO vengano utilizzate per cambiare le tegole del tetto di un edificio fatiscente e senza apparente funzione in via De Bonis ), per risparmiare risorse arrivano gli accorpamenti del personale sanitario e si creano scenari che ci obbligano a incrociare le dita e ad augurarci che, se un infarto o un aneurisma ci debba venire, almeno che ci venga in forma leggera e non letale.


Dire lasciamo a casa questa classe dirigente che si è vergognosamente ingrassata ed ha sperperato i nostri soldi per troppi anni è troppo poco.


Per favore che siano loro a pagare per i danni che ci hanno procurato.


Un' ultima considerazione: poichè vivo a Verbania, il senso di disperazione si acuisce se penso all'inerzia con cui le istituzioni locali stanno affrontando la questione sanità e la difesa del nostro ospedale. Interventi occasionali a spot non hanno nessuna incisiva efficacia.


Un cittadino che si potrebbe ammalare




1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di cittadina infuriata commento
cittadina infuriata
22 Ottobre 2012 - 02:35
 
:angry-red: sono in accordo con questo cittadino,è ora che noi verbanesi riprendiamo coscienza di quello che ci sta accadendo e non comportiamoci come gli struzzi. facciamo sentire la nostra voce, non si devono solo sentire le proteste degli ossolani, che guarda il caso ogni volta che non sono d\'accordo con qualcosa protestano ed ottengono dei risultati.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti