Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

PIANO CITTA': IL COMUNE CHE FA ?

Immagine 1


Nello spirito propositivo che caratterizza l'opposizione verbanese, sottoponiamo all'attenzione la notizia seguente.


Il prossimo 5 di ottobre scade il termine per la presentazione delle proposte di riqualificazione urbana da parte dei Comuni. Con il DL 83/2012 finalizzato allo sviluppo e alla crescita, ha preso il via il Piano Nazionale per le città che è stato ideato per il recupero e la valorizzazione di aree urbane degradate.

I comuni devono inviare i progetti all'Anci che li classifica e li presenta alla Cabina di Regia la quale a sua volta li trasmette al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per l'istruttoria.


Nei giorni scorsi si è svolta la prima riunione della Cabina di Regia durante la quale il Viceministro Mario Ciaccia ha annunciato la disponibilità di 2 miliardi di euro, che potrebbero potenzialmente triplicare, e che devono essere impiegati in tempi stretti se si ipotizza la cantierabilità delle opere entro la fine dell'anno.


"Con l'insediamento della Cabina di regia parte in concreto il Piano Città", ha detto Ciaccia aggiungendo: "Abbiamo bruciato tutte le tappe. Con un'idea nata ad aprile siamo passati, in quattro mesi, a concretizzare un progetto che consente di rispondere ai bisogni del territorio: recupero della qualità della vita, valorizzazione delle aree urbane degradate e attivazione di nuovi mestieri. Entro l'anno saranno aperti i primi cantieri. Il tutto mobilitando risorse che erano in ordine sparso. Partendo da una disponibilità immediata di 2 miliardi, tra effetti diretti e indiretti nel settore delle costruzioni si potrebbe arrivare a oltre 6 miliardi, con possibile creazione di nuovi posti di lavoro per oltre 100.000 unità".


In una nota della Confedilizia si legge anche che tali risorse devono essere usate per il recupero del patrimonio esistente, contribuendo così alla lotta contro il consumo del suolo.


Sono informazioni queste che hanno una valenza incoraggiante e significativa se vengono riferite anche alla nostra città, soprattutto in un momento ccome questo.


Le domande che premono di conseguenza sono: la nostra amministrazione ha preso consapevolezza dell'opportunità che si presenta per il territorio? Ha già predisposto o sta predisponendo una "vera" proposta di riqualificazione, per esempio di piazza Mercato e dell'ex Camera del Lavoro o di altre strutture i cui progetti che giacciono inattuati presso gli uffici comunali, per corrispondere allo spirito del Decreto sul Piano Città?


Può essere che, calamitata dalla unidirezionale e accecante patologia del Centro Eventi, non si sia resa conto dell'occasione che è alla porte?


Il 5 ottobre è qui: ci interesserebbe sapere come l'amministrazione si sta regolando a proposito, tenendo presente che già 58 comuni si sono fatti avanti.




0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti