Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RECIDERE O FERTILIZZARE?

 Scritto da Administrator


Immagine 1


 


Non possiamo fare a meno di sottoporre alla riflessione dei lettori le considerazioni con cui la dott.ssa Luisa Erba dell'Università di Pavia apre la sua presentazione del libro "I fiori nei santini" di Maria Grazie Reami Ottolini.


Un lavoro che, grazie all'impegno e alla competenza dell'autrice, valorizza una preziosa collezione conservata nel nostro Museo del Paesaggio.

Al di là dell'indubbio valore specialistico dell'opera, è questo un esempio di come si possano promuovere le risorse pregiate di cui disponiamo.


E non è la prima volta che sottolineiamo questa convinzione, così come non è la prima volta che proviamo a trasmettere un messaggio connesso con un'idea di "Città Giardino", persuasi che a Verbania esistano i presupposti e le caratteristiche ambientali  per un possibile progetto in questa direzione.


C'è chi percepisce il valore delle nostre ricchezze dall'esterno e noi che ci viviamo dentro noi riusciamo a comprenderne le potenzialità.


Anzi, procediamo esattamente nella direzione opposta col rischio di annullare, anziché di esaltare, eventi che ci vengono invidiati e che sono proprio quelli più significativi per la loro singolarità.


Leggiamo e pensiamo...


"Verbania, una giornata di fine estate, un giardino che si specchia nel lago. Siamo nel 2003, in una pausa del convegno sui giardini, quando per la prima volta Maria Grazia Reami Ottolini mi parla della sua intenzione distudiare i fiori raffigurati nelle immaginette sacre.


Mi sembra subito un'idea felice, emanazione quasi necessaria della vocazione "verde" (forse dovrei parlare di "genius loci") di un territorio fatto di parchi traboccanti di glicini, rose, ortensie, azalee, ma insieme espressione della particolare sensibilità dei suoi abitanti, che si manifesta in una serie di appuntamenti culturali (convegni, conferenze, mostre) e perfino in un "corso fiorito" che, nato tra fine Ottocento e inizio Novecento, si svolge ogni anno sul lungolago di Pallanza e pone i fiori come protagonisti." (Luisa Erba - Università di Pavia)




1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di stefano montani corso fiorito
stefano montani
5 Marzo 2012 - 14:48
 
Già, nato tra fine ottocento e inizio novecento e morto e seppellito dall'attuale lungimirante amministrazione, quella della "capitale dei laghi"!



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti