Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - E bravo! Presidente Cota!

Immagine 1


COMUNICATO DEL 20 febbraio 2012


Dopo che il suo partito ha inondato le città di manifesti rassicuranti sulla sorte della Sanità piemontese, diffondendo slogan pubblicitari del tipo: "meno spese, più servizi" e "stiamo costruendo una sanità più vicina alla gente" e "il paziente al centro della sanità", anche lui, finalmente, prende atto della situazione drammatica.


Davanti alla decisione degli amministratori torinesi di bloccare i ricoveri degli anziani non autosufficienti, peraltro già ridotti al lumicino in tutto il Piemonte, il Presidente Cota non trova di meglio che scagliarsi con violenza contro questa decisione, che discende dall'ammissione di non avere risorse finanziarie sufficienti, perché i trasferimenti da Roma sono stati drasticamente ridotti.

Egli va in televisione a raccontare la sua verità, addossando all'attuale governo la responsabilità del taglio dei fondi, a causa del quale il suo partito ha scelto di stare all'opposizione.


Ci vuole una bella faccia tosta!


E' vero che le risorse sono state tagliate; la causa sta nella disastrosa situazione economica, che il suo partito ha contribuito a creare nella decina d'anni e più in cui ha governato l'Italia e che ha lasciato in graziosa eredità a questo governo.


I cittadini lo sanno e sono molto, ma molto arrabbiati.


Presidente Cota si dia una regolata.


Anche il "nuovo" piano sanitario, reso pubblico dopo che il precedente era stato sonoramente bocciato in tutte le zone nelle quali era stato presentato, è il solito coacervo di grandi dichiarazioni, non suffragate da alcun programma operativo.


Il risultato globale è sicuramente peggiorativo, perché non si trova scritto chiaramente, come invece riportava il precedente piano, come per es. sarà organizzata la rete ospedaliera, quanti DEA rimarranno e dove saranno collocati.


Assistiamo però a periodici colpi di mano, che a poco a poco vanno a cambiare il panorama dell'assistenza sanitaria piemontese, senza che si conosca con esattezza l'obbiettivo finale.


E' questo il modo per coinvolgere il territorio e costruire un sistema condiviso, di cui si vanta sempre il suo partito? A quale "gente" si rivolge?


Noi non siamo "gente"; siamo cittadini che lavorano e pagano le tasse, compreso il suo stipendio. Abbia più rispetto!




0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti