Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RIM-PASTI

 


Immagine 1


 


Due cose mi hanno colpito, negli ultimi accadimenti della vita politica cittadina: una la definirei "nobile", rara accezione di questi tempi, l'altra "misera e triste", al tempo stesso.


Ma andiamo per gradi, partendo proprio dalla prima: le dimissioni dell'ormai ex Assessore Roberta Mantovani. Quali siano le ragioni di fondo, per la verità, non ci è, né ci sarà mai, lecito saperlo. Ma, attenendomi alla buona fede del comunicato stampa diffuso dalla stessa, non posso che ritenerlo un "atto di nobiltà": come non definirlo tale, per chi dichiara di aver sempre concepito la politica come servizio, senza secondi fini che non siano il bene della città? Poteva starsene al suo posto, comoda comoda, a fare il proprio compitino, aspettando la primavera 2014: e invece no, viva la coerenza e l'onestà politico-intellettuale della signora Mantovani: getto la spugna, vado via, non mi piace com'è stato gestito il Museo, non mi piace l'aver concentrato tutte le forze e le risorse solo sul Centro Eventi. "Spesso ci lancia in progetti avveniristici, senza riuscire a superare i problemi quotidiani, la cui soluzione consentirebbe ai cittadini di riconciliarsi con la città". Giusto. Giustissimo. E' così che si "riallaccia" il rapporto tra eletti ed elettori. E' così che si ricuce lo strappo e la disaffezione della gente nei confronti della politica. Era giusto pensare ad una "compartecipazione" nelle scelte importanti. Era giusto "coinvolgere" i cittadini, perché poi non si può chiedere loro di aderire e legarsi a un progetto calato dall'alto. Lo diciamo da mesi, mesi e mesi, e suona strano che l'ex-Assessore, indirettamente, ce ne abbia dato ragione. Scelta nobile, coerente, coraggiosa e d'altri tempi, dunque, quella della signora Mantovani.

Scelta "misera e triste", invece, quella che il P.I.D. (Popolari per l'Italia di Domani) ha cercato di sostenere nell'ultimo Consiglio Comunale: battere cassa, chiedere platealmente al primo cittadino un Assessore in Giunta. Dopo l'ennesima campagna acquisti, culminata con l'ingrossamento delle fila ad opera d'un terzo Consigliere, è parso lor giusto e doveroso pretendere una poltrona. Con la P maiuscola. Pessimo spettacolo imbarazzante, dinanzi a una platea ammutolita. Stili di vita politica "diversi", mettiamola così, anche se, forse, bene avrebbe fatto il P.I.D. a sussurrare sottovoce la richiesta, magari dinanzi a una calda tazza di caffè. E invece no.


E adesso c'è il rim-pasto, che, non so perché, mi fa l'effetto di qualcosa di vorace. Etimologia a parte, se ci pensiamo a fondo, è proprio una pessima parola!




7 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Luigi Ma siete rincitrulliti?
Luigi
7 Dicembre 2011 - 22:55
 
Dopo le lodi a Paracchini quando si è dimesso adesso elogi e complimenti alla Mantovani indicata come esempio di coerenza? Ma che vi piglia?
Vedi il profilo di Shooting star commento
Shooting star
7 Dicembre 2011 - 23:41
 
mi sbaglio io o nell\'articolo c\'è scritto \"[i]attenendomi alla buona fede del comunicato stampa diffuso dalla stessa[/i]\".. molto probabilmente piace pensare che l\'assessore abbia agito in buona fede e non per un qualsivoglia gioco politico..
Vedi il profilo di FELICE IRACA\' commento
FELICE IRACA\'
12 Dicembre 2011 - 08:33
 
Caro sig. Luigi, le azioni degli uomini e le relative lodi non hanno colore politico o bandiere d\'appartenenza. Si tolga i paraocchi.
Un bel gesto è un bel gesto, punto e basta. Fermo restando, come ho scritto nel pezzo, che non conosciamo nè conosceremo mai le reali motivazioni delle dimissioni.
Vedi il profilo di loredana bazzacchi scriviamo chi siamo
loredana bazzacchi
12 Dicembre 2011 - 10:32
 
vedo che anche in questo sito come in altre precedenti situazioni si puo\' scrivere nei commenti in anonimato.
non sarebbe opportuno firmarsi secondo voi?
dal momento che un\'opinione in un paese democratico anche se dissonante ha il diritto di essere espressa in ogni luogo e di avere una faccia da riconoscere?
O MI SBAGLIO?
Vedi il profilo di FELICE IRACA\' commento
FELICE IRACA\'
12 Dicembre 2011 - 10:37
 
Anonimato...forse perché dietro le maschere ci sono facce note...molto note?!!!
Vedi il profilo di Giuseppe Federici P.I.D.
Giuseppe Federici
12 Dicembre 2011 - 14:35
 
Lo stile del potere .....!!
Vedi il profilo di Marcella Zorzit Buona e mala fede
Marcella Zorzit
12 Dicembre 2011 - 17:14
 
Un commento tendente alla malafede quello di Luigi !
Nessuno ha tessuto le lodi di Parachini ieri e della Mantovani ora. Si riconoscono semplicemente alcuni aspetti che traspaiono a una valutazione politica oggettiva e non preconcetta.
A suo tempo si sono sottolineate le doti tecniche di Parachini che sono comunque reali, al di là delle scelte urbanistiche che invece, se non ricordo male, in queste pagine sono state ben contestate.
Oggi, si apprezza una scelta corretta, se avvenuta in buona fede, che è stata fatta per motivi condivisibili, se dichiarati in buona fede.
Chi vuole leggere altro in modo pretestuoso, è fuorviato.
A meno che non si voglia provare il gusto della contrapposizione ad ogni costo.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti