Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

PIAZZE DI CASA MIA

di Livio Serafini


Immagine 1


Ho sempre svisceratamente amato due piazze della mia Intra, e quando dico piazze non intendo quelle che, con una miopia straordinaria, sono state adibite a parcheggio, ma quelle che svolgono la loro funzione sociale e aggregativa.
Piazza Castello e Piazza S. Rocco, due piazze nettamente diverse per struttura e atmosfera.


La prima molto ampia, ben pavimentata e circondata da case di vecchia ed inimitabile struttura con pregiati balconcini in legno perfettamente conservati, l'Osteria del Castello sempre molto frequentata (mi sovvengono in questo periodo i profumi delle uve appena pigiate), i discreti negozi e le panchine in sasso ombreggiate da alberelli....La seconda  più piccola e un po' naif,  è la mia preferita.


Piazza S. Rocco me la ricordo con il mercato (anni luce) e le feste di quartiere, la si attraversava per andare a messa nella bella chiesetta, per andare all'Osteria della Rosa Bianca, dal signor Ferrardi (armeria e biciclette), dalla Ferramenta Pedretti, al Cinema Odeon (poi Ariston) e, per quelli della mia generazione, per andare al Mini Bar, punto di ritrovo dei "bigiatori" professionisti del Cobianchi.
La S. Rocco di oggi è lì da vedere, il sagrato della Chiesa è per metà occupato da tavoli e sedie, un dehor che arriva ad un metro da quella straordinaria fontana ottagonale in sasso tristemente ferma e con funzioni di pattumiera, e dalla quale soltanto il senso civico di qualche cittadino ogni tanto rimuove i contenuti, auto parcheggiate sempre in modo discreto fino alle 19, dopodiché libertà assoluta con buona pace  della telecamera che sovrasta la piazza.



Ps: Una fontana senz'acqua è come una cornice senza tela, ed è pur vero che consuma molta acqua, ma vivaddio un riciclo in un'Italia sprecona lo si può installare?



2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di fabrizio caretti errata corrige
fabrizio caretti
28 Settembre 2011 - 08:17
 
Solo per ricordare che il ciclista-armaiolo si chiamava Fezzardi.
Vedi il profilo di livio commento
livio
28 Settembre 2011 - 13:06
 
Giusto!è stato un\'errore di trascrizione e me ne scuso con i lettori.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti