Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

A DOMANDA RISPONDO

 


Immagine 1


 


In una nota riferita ad un mio scritto critico rispetto alle scelte amministrative, il Sindaco mi chiede che cosa avrei fatto al suo posto di fronte all’opportunità, presentatasi nello scorso ottobre, del Piano Integrato di Sviluppo Urbano che prevedeva la presentazione di un progetto di riqualificazione urbana da predisporre entro il mese di gennaio per ottenere consistenti finanziamenti regionali a favore della città.


Il Comune di Verbania ha scelto di totalizzare tale progetto attorno al teatro che, cambiando  nome, è diventato il Centro Eventi da realizzarsi nell’area dell’Arena. Gli altri interventi che corredano il progetto non sono di grande rilevanza.


Cosa avrei fatto io?


Partiamo da due anni fa.


Innanzitutto avrei iniziato il ciclo amministrativo senza presunzioni stravolgenti, ma col criterio della continuità in relazione a scelte comunque legittimate che avevano già richiesto tempo, impegno e finanze e, mentre si proseguiva con quanto già predisposto e pronto a partire, avrei messo in campo le mie nuove idee non per cambiare, ma per fornire dei valori aggiunti a Verbania in termini di eccellenze e di sempre migliori qualificazioni.


In fondo, non si capisce che cosa si dovesse cambiare di così sconveniente in una città che era arrivata ai vertici delle classifiche nazionali per la qualità della vita e per alcuni servizi offerti ai cittadini. Quando qualcuno in un consiglio comunale si compiacque del cambio di un’ amministrazione che aveva lasciato Verbania disastrata, in realtà fece un rilievo pretestuoso perché è pur vero che tanto si può fare di più e di meglio, ma non possiamo condividere una visione così disfattista.


Esistono tutti i margini possibili entro i quali farci stare tutte le scelte migliorative e ambiziose secondo la propria visione della città del futuro.


Questo futuro, come dicevamo, è stato identificato nel centro eventi come panacea di tutti i problemi, con quest’opera si spera di rilanciare alla grande la città.


Vorremmo proprio che questo fosse vero, ma le forti perplessità che abbiamo già espresso in altri momenti, che sono condivise da tanti cittadini e che qui non vogliamo ripetere, ci inducono a nutrire dei dubbi.


Allora io avrei proseguito nell’iter Arroyo 1 che, per quanti difetti potesse avere, aveva comunque il pregio di essere integrato nel tessuto urbano,  di valorizzare  un quartiere disagiato con la possibilità di essere percepito come il Luogo rivitalizzante della cultura verbanese  e il Luogo di identificazione dei cittadini.


L’aver impostato la campagna elettorale urlata su questo tema ha di conseguenza obbligato a perseguire una linea alternativa difficile e attaccabile da diversi punti di vista così come sta avvenendo.


Quando come linea alternativa si è parlato di (segue) 






2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di carlo bava qual\'è il loro livello di attenzione?
carlo bava
3 Giugno 2011 - 18:32
 
E\' buffo... Tigano in consiglio, alla discussione del bilancio avrebbe gradito un controbilancio nostro, delle nostre proposte concrete, invece delle critiche. Qui il Sindaco chiede che cosa avremmo fatto al suo posto. Ma in questi due anni, nei numerosi consigli comunali, per chi abbiamo parlato? Per chi abbiamo lanciato idee o sostenuto innumerevoli proposte alternative alle loro? Che significato hanno dato ai nostri interventi? Dove erano? Ma ci ascoltavano? E dire che, contrariamente a qualche sciagurato teorico dell\'ultima ora, non abbiamo mai fatto nè auspicato una \"minoranza distruttiva\". Mah ... col tempo e con la paglia ...
Vedi il profilo di Pio Re Arroyo1
Pio Re
5 Giugno 2011 - 03:40
 
Egregio signor Sindaco,
anche Lei ha l’abitudine di rispondere “fischi” quando la domanda è “fiaschi”
Mi spiego, partendo dalla sua risposta alla signora Zorzit.
Lei fa simpaticamente osservare alla signora, di non aver letto bene il bando del P.I.S.U. e poi più avanti scrive “…lo stesso spirito del PISU che voleva e vuole un\'area concentrata di interventi legata ad uno specifico quartiere ….”.
Leggendo però la lettera della signora, a cui lei ha risposto, si legge: “avrei proseguito nell’iter Arroyo 1 che, per quanti difetti potesse avere, aveva comunque il pregio di essere integrato nel tessuto urbano, di valorizzare un quartiere disagiato con la possibilità di essere percepito come il Luogo rivitalizzante della cultura verbanese e il Luogo di identificazione dei cittadini”. Più avanti, ancora: “Coerentemente con i contenuti del bando regionale e nei tempi previsti entro i quali tutte le province piemontesi erano tenute a presentare le proposte, mi sarei buttata a capofitto per impreziosire la città rispetto alle sue carenze ambientali, concentrandomi sulla piazza Mercato ….”
Sembra quindi di capire però, che nella fretta di rispondere, Lei si sia platealmente contraddetto, al punto di farci ritenere che proprio Lei invece non abbia inteso appieno il senso della lettera citata, preoccupato solo di accusare di disfattismo chi non la pensa come Lei.
Questa lettera, peraltro da Lei sollecitata, sembra invece piena di buonsenso, ma come si sa, non è merce che abbonda da queste parti.
Concludendo: dopo aver usato in campagna elettorale il progetto del teatro in piazza mercato come arma per distruggerlo, invocando a sostegno anche un referendum cittadino, oggi restano le mirabolanti promesse di un “centro eventi” deciso nel chiuso delle stanze del potere e la paura di affrontare un referendum da Lei stesso invocato. E piazza mercato? Resta desolatamente vuota ….. anche di idee.
Come dice la signora, la soluzione cosiddetta “Arroyo 1”non sarà stata perfetta, ma si poteva migliorare, perché a tutt’oggi è l’unica idea valida ed ancora attuale per rivitalizzare il quartiere .



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti