Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - QUALE FUTURO PER IL NOSTRO WELFARE LOCALE

 di Giuseppe Cangialosi


Immagine 1 


Il dibattito sul futuro del nostro welfare non decolla ma allarma; soprattutto perchè le prime conseguenze dell’ applicazione dell’art. 2 comma 186 della L. 191/2009, che dal 31/12/2010 ha soppresso i consorzi di funzione, cominciano a farsi sentire e il primo CISS a subirne le conseguenze sarà quello del Cusio i cui organi non sono più rinnovabili rischiando la chiusura o un temporaneo commissariamento.


Ciò che lascia un po’ perplessi è il clima di “sospensione” che invade istituzioni, amministrazioni locali e  amministratori dei CISS ma soprattutto la completa assenza di proposte che non siano la riproposizione di vecchi meccanismi.


Si attendeva dalla Regione un’azione normativa che non è arrivata, come non sono stati per ora deliberati semplici indirizzi o disposizioni transitorie che potessero in qualche modo tracciare tempi e modi di dismissione dei consorzi. L’ipotesi delega all’ASL per fortuna è naufragata nei mari agitati della riorganizzazione del sistema sanitario.


Qui da noi l’impressione è che, al di la delle apparenti posizioni dei Sindaci,  ognuno stia andando per i fatti suoi e lo confermano le ultime dichiarazioni del pdellino Songa in merito alle prospettive dei servizi sociali del Cusio, che, al fine di tranquillizzare la popolazione, afferma che “si sta pensando ad un nuovo Ente che sostituisca il consorzio”.


Quale?


Questa è la domanda. Quale Ente e in quale quadro territoriale ed istituzionale?


Ripropongo, con qualche certezza in più, una soluzione che ritengo possa ricollocare la rete dei nostri servizi in una prospettiva virtuosa permettendo alle nostre istituzioni locali di uscire dalla palude attuale.


Quale premessa, dobbiamo sempre ricordarci che questa vicenda coinvolge (segue)





0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti