Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Comunicato Stampa Comitato Salute Vco

 Immagine 1


La burrascosa intervista rilasciata nei giorni scorsi a La Stampa dal governatore Cota desta sorpresa per alcuni motivi.


Il primo si riferisce alla sua difesa legale preventiva, su quanto sarà detto da oggi da coloro che sono in posizione critica davanti alle scelte della sua amministrazione, in materia sanitaria. Ma le critiche ci sono per qualche dichiarazione di troppo dei politici, per documenti incompleti o addirittura mancanti e tabelle incautamente diffuse, prima di avere in mano un documento organico che illustri costi e benefici delle decisioni dell’Amministrazione regionale in tema di sanità.


Il secondo perché dice “Non sono abituato a parlare di queste cose mediche (i DEA di Verbania e Domodossola n.d.r.)  non amo la politica che si sostituisce alle valutazioni dei tecnici”. Emblematico ciò che è successo qualche settimana fa. Un “tecnico” ha fatto apparire sul sito della Regione Piemonte una tabella che prevedeva il declassamento a Pronto soccorso del DEA del S.Biagio, e nelle susseguenti dichiarazioni il Presidente Cota, cercava di tranquillizzare tutti, lodando il “Pronto soccorso impeccabile” che si sarebbe realizzato al posto del DEA. Davanti alle vibrate proteste dei cittadini, tutti si sono precipitati ad accusare i “tecnici” di prendere decisioni “politiche”. Risultato: sul sito della regione la tabella incriminata è stata modificata, e oggi gli stessi “tecnici” dicono, come lo stesso Presidente Cota ha detto a Domo il 13 marzo, che il DEA a Domo “ci deve essere”. Allora, chi ha creato confusione?


A conferma di questo metodo del tira e molla, dobbiamo infine registrare l’allarme lanciato dal Primario di  Radioterapia, su un ridimensionamento di questa importante attività, che metterebbe anche in forse il secondo acceleratore da tutti dato finora di sicura installazione. Puntuale è arrivata la smentita di rito, stavolta dal neo Commissario dell’ASL14. Parlava da “tecnico” o da “politico”’?


Sappiamo anche noi che la coperta è corta e che bisogna prendere decisioni anche dolorose, ma noi abbiamo sempre chiesto che le scelte siano condivise con il territorio, ma finora non c’è stata né la discussione, né abbiamo visto un documento, ma solo delibere.


Se manca chiarezza, non ci si deve stupire quindi che circolino le ipotesi più svariate.


Aspettiamo poi, a breve, certezze anche sul futuro dell’ospedale Castelli di Verbania, anche se noi non siamo in campagna elettorale, perché circolano voci  poco rassicuranti. I  cittadini chiedono chiarezza, non comizi elettorali. Infine vogliamo ringraziarla per l’idea che ci ha fornito. Anche noi saremo solerti nel sanzionare, a nostro modo, coloro che non manterranno le promesse fatte, soprattutto quelle che si fanno in campagna elettorale.


Lo Duca – Rebecchi - Bolognesi




0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti