Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

COMUNICATO STAMPA

Immagine 1


 


NON ROMPIAMO GLI EQUILIBRI DEL PIANO REGOLATORE


LIMITIAMO LE NUOVE EDIFICAZIONI


DIFENDIAMO IL VERDE DIFFUSO NELLA CITTA'


 


Le seguenti forze politiche di opposizione :


Lista civica “cittadiniconVoi


Italia dei Valori


Partito della Rifondazione Comunista


Sinistra Ecologia e Libertà


Verdi


hanno depositato congiuntamente presso l'Ufficio Urbanistica del Comune di Verbania le osservazioni alla variante 18 recentemente approvata dal Consiglio Comunale.


Entro il mese di gennaio il Consiglio dovrà esaminare queste ed altre osservazioni presentate e decidere se confermare o modificare la variante.


Nel documento le forze politiche di opposizione rilevano che venti proposte di variante diffuse sul territorio - ridotte a 16 perché quattro dovranno affrontare la più severa valutazione ambientale – snaturano il Piano Regolatore perché, ritoccando qua e là lo strumento urbanistico in base alle richieste dei privati, è forte il rischio di perdere di vista il disegno generale della città.


Per rispettare gli standard urbanistici (di verde, servizi pubblici, ecc) e nel contempo rendere maggiormente edificabili aree centrali, si è spezzato l'equilibrio tra le varie frazioni della città (ad esempio spostando il verde in aree periferiche che ne sono già provviste).


Nello specifico poi, sottolineano le forze politiche d'opposizione firmatarie, si critica la scelta di rendere edificabile in viale Azari l'area Hillebrand, attualmente destinata a verde agricolo.


Si propone all'opposto che tale area diventi uno spazio verde urbano che colleghi al centro di Pallanza la vicina area di Madonna di Campagna, per proseguire poi verso il Monte Rosso ed il Plusc in funzione di percorsi pedonali e ciclabili lungo i fiumi, come sta avvenendo nella più avvedute città europee.


In relazione invece alla proposta di aumento della superficie abitativa in via Raffaello Sanzio (l'ex parcheggio multipiano suo tempo oggetto di sequestro penale), si critica l'aumento di carico urbanistico a ridosso dell'area di Villa Taranto, proponendo che restino le attuali previsioni.


Per quanto riguarda infine la variante relativa all'ex cinema Sociale di Pallanza si chiede che, accogliendo le richieste espresse dalla popolazione, sia mantenuto l'obbligo di destinazione socio-culturale. 




0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti