Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO -Trasferta a Roma del collettivo p@c (Punto a capo di Verbania)

Immagine 1


Ore venti e trenta di un freddo venerdì sera. Eppure un gruppetto, tra cui noi, dodici ragazzi, è pronto a partire. Arrivati con l’autobus in Stazione Centrale a Milano, e da lì fino a Roma. C’è un’aria gioiosa tra noi: crediamo nelle nostre idee, siamo contenti di partecipare ad una manifestazione nazionale.


Il 27 Novembre davanti a Stazione Termini alle ore 9.30 parte il corteo della grande manifestazione organizzata dalla CGIL. Un breve sguardo dal marciapiede alla folla: teste, tante teste, bandiere e palloni che volano ancorati leggeri in aria!Canzoni e cori che partono dai diversi camion e furgoni, dando vita a uno strano mix di suoni. Ci dirigiamo decisi a recuperare il materiale, non possiamo partecipare privi di bandiere e fischietti!! Ci mescoliamo alla folla di giovani. Alle 11.00 finalmente anche la coda del lungo e partecipato corteo riesce a muoversi. È straordinario vedere così tante persone della stessa età, così diverse tra loro ma che credono negli stessi valori! Si respira aria di speranza, di forza, di desiderio di cambiamento. Uniti, felici, presenti camminiamo in direzione di piazza S. Giovanni cantando, gridando, ballando, sorridendo. Siamo qui per dire concretamente che non siamo d’accordo che i soldi sottratti alla scuola pubblica siano diretti alle scuole private, per dire di no alle modifiche apportate ai programmi degli indirizzi alle scuole Superiori, per dire di no ad una scuola che non garantisce più un servizio serio, a una scuola che non ha più i soldi per i materiali primari, ad una scuola che promuove le nozioni ma non la passione della cultura e del sapere. È importante affermare che noi giovani, alcuni giovani, credono ancora che il loro futuro si costruisca giorno per giorno andando a scuola e apprendendo. Qando i pensionati ti parlano fiduciosi : “ ragazzi studiate, voi siete il futuro, non arrendetevi”, cresce dentro di sè un senso di responsabilità sociale ma anche tanta riconoscenza! È stata per ognuno, credo, un’esperienza indimenticabile, un’esperienza formativa per capire davvero in cosa crediamo, per dimostrare anche a noi stessi che le parole non bastano. Una di quelle esperienze che rimangono nel cuore e, chissà, un giorno davanti al caminetto racconteremo ai nostri nipoti. Ma per ora questa storia la stiamo vivendo, e vogliamo che quando sarà il momento di raccontarla, sia la più bella possibile!




3 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Gianpaolo Forza ragazzi prendfete in mano il vostro futuro
Gianpaolo
29 Novembre 2010 - 10:10
 
Bellissimo questo articolo mi riporta ai cortei del 68 e mi riempie di gioia pensare che nei vari ricorsi storici forse si ripresenta il momento di ripartire di slancio e uscire dalle sabbie mobili in cui siamo precipitati negli ultimi 20 anni
Vedi il profilo di Cristina EVVIVA!
Cristina
30 Novembre 2010 - 08:51
 
:D
Grande e concreta dimostrazione del fatto che sia proprio sciocco raggruppare le persone in categorie ed etichettarle con giudizi superficiali!
I GIOVANI NON SONO PIU\' QUELLI DI UNA VOLTA...
Meno male! Tra i giovani, come tra i vecchietti, ci sono persone in grado di pensare con la loro testa e persone omologate al modello culturale dominante. Forse le \"seconde\" sono più numerose. Forse le \"prime\" hanno solo bisogno di un po\' di sostegno e di fiducia per uscire allo scoperto, per riuscire ad essere più visibili ed attive.
BRAVI RAGAZZI!!!!!!
Vedi il profilo di Marta Così si fa.
Marta
30 Novembre 2010 - 09:20
 
Forza, ragazzi,portate una ventata di vivacità per scuotere il torpore e l\'indifferenza indotti da tanti Grandi Fratelli. E fate proseliti. Siamo con voi.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti