Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

Per i piccoli cittadini stranieri della nostra città


Immagine 1

.








Leggiamo in un comunicato stampa del Comune che il Sindaco e l'assessore Carazzoni il 22 ottobre alla Biblioteca Ceretti consegneranno un libro in rumeno a ciascun bambino rumeno della nostra città.
Si tratta di un'iniziativa, spiega il consigliere Chifu, per far si che “ogni cittadino di Verbania proveniente dalla Romania senta più forti le sue radici. Se ciascuno ha ben chiaro da dove viene, allora avrà ancor più chiaro dove sta andando. Anche se oggi siamo tutti verbanesi e qualcuno anche cittadino italiano, restiamo legati alla nostra terra».
É una bellissima idea.
Non vogliamo tuttavia che le “male lingue” pensino subito che questa iniziativa venga assunta perchè i genitori dei bambini rumeni, quali cittadini comunitari,  sono stati e saranno elettori, che in buona sostanza si tratti solo di propaganda.
C'è un modo per smentire subito questa malevola interpretazione: estendere l'iniziativa ai bambini delle altre comunità straniere della nostra città.
Così anche i bimbi senegalesi, marocchini, peruviani, cinesi riceveranno un libro che darà loro il valore (anziché la vergogna) delle loro radici ed avranno più chiaro il senso di dove stanno andando, ma soprattutto finalmente percepiranno un po' di calore da parte della città che li accoglie.
Coraggio Sindaco ed Assessore, siamo sicuri che le associazioni che da tempo si occupano dell'accoglienza nei confronti di chi giunge da altri paesi saranno liete di aiutarvi.



4 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di giovani critiche
giovani
21 Ottobre 2010 - 22:01
 
bravi, la sinistra subito critica una bella iniziativa dei abecedari......
complimenti sig. CHIFU , vada avanti cosi senza quardare i specchi della sinistra !!!!
Vedi il profilo di giovani vergogna
giovani
21 Ottobre 2010 - 22:02
 
anzi, VERGOGNA.....
Vedi il profilo di fabio C\'è sempre chi è più uguale degli altri ?
fabio
24 Ottobre 2010 - 21:48
 
Credo che tutti i cittadini di Verbania che provengono dall\'estero, siano da trattare allo stesso modo. Che si parta dai provenienti dalla Romania, o dagli stati africani, o da altri.
E tutti allo stesso modo rappresentano una risorsa per il nostro paese, di umanità, esperienza.
Accoglierli e fornirgli gli strumenti atti ad inserirsi il meglio possibile non potrà che essere utile a loro ed a noi, nel rispetto reciproco.
Spero che questa iniziativa sia solo l\'inizio. e non abbia come effetto \"dividere\" anziché unire...
Vedi il profilo di Angela Del Grande E se proponessimo qualcosa di più?
Angela Del Grande
28 Ottobre 2010 - 06:28
 
Direi che si tratta di una buona iniziativa. Una goccia nel mare ma senz\'altro un piccolo passo verso l\'accoglienza.Per esperienza personale devo dire, però, che i bambini stranieri avrebbero bisogno di progetti di inserimento e sostegno mirati; non si può delegare al solo ambito scolastico il compito dell\'integrazione,ambito nel quale le risorse umane e finanziarie sono sempre più scarse.Perchè, per esempio, non avviare in ludoteca, delle attività con bimbi stranieri ed italiani e con i loro genitori?



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti