Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Riprendersi la politica

Di Giuseppe  Cangialosi


 

Immagine 1


 


 


Ho partecipato domenica scorsa al dibattito organizzato dal PD sui destini della città per costruire una alternativa alla destra.


Un primo confronto tra i partiti e le componenti del centro sinistra con cittadini.


Partecipazione davvero deludente. Pochi cittadini ‘comuni’ ma anche pochi cittadini impegnati nelle diverse istanze sociali e culturali, quei cittadini cioè che vengono classificati come la ‘ società civile’.


Qualche faccia conosciuta ma davvero poca platea.


Farei innanzitutto due primissime considerazioni: il PD ci ha tentato e gli va dato il merito per aver aperto finalmente il dibattito su un tema che credo debba ora essere coltivato con cura; la scarsa presenza è anche da imputare al giorno e all'orario ma ritengo, e poi riprenderò la questione, che gli assenti non hanno quasi mai ragione.


Detto ciò mi permetto di fare alcune considerazioni che hanno esclusivamente l’obiettivo di sollecitare un confronto soprattutto con chi non c’era


E’ mancato un vero spazio di confronto con la piccola platea. Gli esponenti dell’opposizione hanno parlato molto e spesso sottolineando questioni di metodo o di tattica; pochi contenuti ma qualche suggestione importante. Per chi è riuscito a parlare dal pubblico poche idee, una però,  interessante: quella di impegnarsi su un progetto comune e creare intorno a questo una squadra che sin dall’inizio riesca a svolgere un azione efficace di comunicazione tra i cittadini e in futuro in campagna elettorale.


L'assenza di cittadini comuni, dell'associazionismo dell’area dell’impegno sociale marca e caratterizza invece la crisi di rappresentanza dei partiti (di tutti i partiti) ma anche la crisi della partecipazione in questa città e nel paese, il progressivo allontanamento dalle istituzioni.


Tale assenza però non significa assenza di componenti sociali impegnate in città sui più disparati temi, significa invece che tale impegno diffuso si realizza al di fuori della politica intesa come teatro della politica, ma soprattutto, esso,  non pesa nelle decisioni delle istituzioni governate da chi la ‘politica’ la pratica e su questa riesce a costruirsi un consenso.


Ritengo che questo sia il primo problema, soprattutto in una città dove attualmente la politica della nuova compagine pdl-leghista, (segue)





0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti