Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

I figli dello spreco

I FIGLI DELLO SPRECO


 


di Marco Zacchera



 



Tra i vari compiti che mi sono imposto come sindaco di Verbania c’è anche quello di verificare con una certa periodicità l’andamento delle mense scolastiche e in questo senso qualche settimana fa, poco prima della fine dell’anno scolastico, ho assistito al pranzo di alcune classi di una scuola media della città.



Quando i ragazzi sono tornati in classe lo stato della sala non solo sembrava un campo di battaglia, ma si potevano notare una gran quantità di panini appena sbocconcellati come tante fette di torta (buonissime) avanzate dopo un rapido assaggio. Qualcuno si era perfino divertito con le punte della forchetta a forare il coperchio dei budini-monodose che quindi, pur non usati, andavano buttati.



Ragazzini che crescono così, senza rispetto per nessuno e veramente convinti che lo spreco sia cosa normale.



Ne ho parlato a lungo con la preside che è intervenuta con molto impegno, ma davvero – al di là del fatto in sé – resta la consapevolezza che per questi cittadini ormai prossimi a diventare adulti il senso del sacrificio non esiste.



Constato, non giudico: sarà colpa delle famiglie, della scuola, della società, delle istituzioni…fatto sta che i nostri figli (o nipoti) crescono troppe volte così, sedotti da ideali che non reggono, abituati allo spreco senza minimamente rendersi conto di come sia dura la vita per centinaia di milioni di loro coetanei in tante parti del mondo e quindi senza neppure provare la gioia e la felicità del godere quello che hanno.



Interroghiamoci sui cattivi esempi che diamo e se non sia il momento che tutti – ma proprio tutti – ci si imponga una seria riflessione su questi argomenti, perché la crisi la si combatte tagliando gli sprechi, ma anche insegnando uno stile di vita più sobrio, rispettoso, economico. Forse – quando si parla tanto di crisi e della necessità di fare “tagli” per contenere la crisi economica e finanziaria dovremmo anche ricordarci di queste cose.{jcomments on}



Quando ero bambino mia nonna mi riprendeva se avanzavo un pezzo di pane “Dovresti vivere un po’ di tempo di guerra” mi diceva e noi – bambini degli anni cinquanta – siamo stati gli ultimi ad ascoltare queste cose ma a vivere lo sviluppo, dopo di noi la corsa si è fatta sempre più sfrenata, ma si sono completamente persi i riferimenti di partenza. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.


 


 




2 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Italo Bertocchi commento
Italo Bertocchi
6 Luglio 2010 - 15:27
 
Lo spreco esistente nelle mense e nei supermercati è argomento che mi tocca da vicino. Sono due situazioni diverse, in quanto mi risulta che il cibo servito in una mensa non possa più essere utilizzato. Se ad un bambino viene servita una fetta di torta che rimane intonsa, deve comunque essere buttata via. <br />Il cibo consegnato alla scuola anche se non servito, viene comunque buttato via.<br />La quota di colpa dei bambini, dei genitori o della scuola è davvero minima. Questi ad oggi possono ben poco. La riflessione si impone. Il bidello che porta a casa il cibo avanzato per darlo ai polli fa un furto o lo smaltimento abusivo di rifiuti? Una associazione che usasse il cibo non distribuito (non raccolto dai tavoli) è a norma di legge?<br />Si può far portare a casa ai bambini il cibo non utilizzato? <br />Farsi domande è un buon modo di iniziare ad affrontare le distorsioni di questa società.
Vedi il profilo di marcella commento
marcella
6 Luglio 2010 - 15:35
 
Effettivamente è ora di interrogarsi su questo fenomeno e di verificare quali correttivi normativi si potrebbero appliccare per correggre tali distorsioni. Però le figure educative potrebbero fare molto in termini di educazione alimentare e di sensibilizzazione al rispetto del cibo.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti