Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

42 Martiri x 24 atleti x1 ora – Cronaca di un silenzio mancato

Immagine 1

Ieri sera, sabato, come ogni anno in ricordo dei 42 Martiri parte da Villa Caramora ad Intra la fiaccolata che va fino al sacrario di Fondotoce.



Tutti abbiamo visto almeno una volta questa manifestazione.



Tutti da bambini ricordiamo quel momento di silenzio e di buio: si spegneva l’illuminazione pubblica, le campane suonavano e nel silenzio si sentiva il rumore  dei passi degli atleti che correvano con la fiaccola.



Era un momento in cui la città trasmetteva alle generazioni future il ricordo di un momento di dolore della nostra storia : 43 persone fucilate perché partigiani, perché lottavano per un mondo migliore.



Era ed è un momento in cui si ricorda quanto sia costata ad alcuni quella libertà che oggi per molti è solo un diritto come la mutua.



Ebbene questo momento di identificazione della città, questo sentirsi comunità che ricorda e riflette, aveva sempre tenuto.



Anche con l’avvento del centro destra con grande intelligenza il Sindaco, anche se criticato da molti, aveva tenuto a pochi giorni dalla sua elezione il discorso celebrativo con parole di sensibilità.



Ieri sera questa fiaccolata doveva passare sul lungo lago di Pallanza dove quest’anno si è svolta la gara di corsa 24 x 1 ora.



Anche questa manifestazione ormai è un simbolo di una città vuole costruire occasioni di unità: momento di sport e di solidarietà.



Quale migliore occasione perché il presente accogliesse e rendesse onore al passato?



Sarebbe bastato che dagli altoparlanti si fosse annunciato l’arrivo mentre la fiaccolata giungeva verso villa Giulia, si fossero spente le luci della piazza, le campane come sempre avessero suonato ed il pubblico avesse osservato qualche minuto di silenzio.



Gli atleti con la fiaccola avrebbero percorso un tratto di strada con gli atleti della gara e, con un po’ di retorica, due mondi si sarebbero toccati.



Invece no, la fiaccolata è arrivata nel frastuono e nel più completo disinteresse; dal palco la musica ha continuato, le persone hanno continuato a ballare mentre la fiaccola passava a pochi metri da loro e addirittura un organizzatore dal palco ha avuto l’ardire di replicare a chi chiedeva di abbassare il volume che la musica non si poteva ridurre ed i ragazzi dovevano ballare ….!!!!



Complimenti per la sensibilità di questo individuo, complimenti agli organizzatori del CSI e complimenti all’Assessore Balzarini che pochi giorni prima nella Commissione consiliare per lo Sport si era impegnata addirittura ad interrompere la corsa.



Oltre ad una precisa raccomandazione agli organizzatori, sarebbe bastato inserire la prescrizione nel provvedimento con cui il Comune ha concesso la piazza.



Ancora una volta dobbiamo pensare a semplice stupidità od incompetenza, oppure c’è un disegno più sottile?



 



 




1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Gianmaria Ottolini commento
Gianmaria Ottolini
20 Giugno 2010 - 21:12
 
Leggo con stupore in quanto non ero ieri sera a Pallanza ma a Fondotoce. Avevo posto il problema in Commissione sport sottolineando la delicatezza del momento e l'assessore aveva dato garanzia che tutto avvenisse con luci spente e silenzio come momento di riflessione e commemorazione collettiva. Cosa non ha funzionato?<br />Stamane a Fondotoce tutto si è svolto con il massimo di unità con l'intervento storicamente apprezzabile di Bologna e gli interventi delle autorità, tra cui quello del tutto condivisibile di Valerio Cattaneo. Un solo appunto: i Comuni presenti con i loro gonfaloni quest'anno non hanno ricevuto l'invito ufficiale da parte del Comune di Verbania. La risposta ufficiosa è che gli inviti erano stati preparati ma per qualche motivo non sono stati spediti. Non voglio valutare o commentare né far dietrologie. La domanda su cosa sta succedendo nell'assetto istituzionale ed organizzativo del Comune di Verbania è però inevitabile.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti