Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

PER NON FARE UN (ALTRO) SALTO NEL BUIO

Immagine 1

Domenica 28 e lunedì 29 marzo ci saranno le elezioni per il rinnovo del consiglio Regionale e l'elezione del Governatore.


Siamo una lista civica, siamo nati e stiamo operando per la nostra città, per la collettività locale, non siamo legati ad alcun partito, l'origine di chi si è candidato con noi e di chi ancora continua a lavorare è eterogenea.


Si potrebbe quindi pensare che il limite del nostro orizzonte siano i  confini della Città, che non debba essere un  nostro obbiettivo occuparci  di “politica extracomunale”.


Vi sono tuttavia due motivi molto precisi che ci impongono di dire la nostra in questa campagna elettorale:


a) la nostra scelta di campo per il centro sinistra è fuori discussione: ci siamo presentati e continuiamo ad operare per l'affermazione di quei valori di giustizia, di eguaglianza, di accoglienza, di partecipazione, di rispetto per la persona che sono stati alla base delle amministrazioni di centro sinistra che hanno governato Verbania fino all'esperienza di Claudio Zanotti, per la cui riconferma ci siamo impegnati;


b) il ruolo della Regione rispetto alla vita della città è molto importante: dall'amministrazione regionale giungono non solo i finanziamenti per un governo più ampio del territorio, ma soprattutto  le linee  guida per rendere più omogeneo e vivibile tutto il territorio attorno a noi.


L'esperienza dei primi mesi di questa amministrazione comunale e le prime evidenti crepe che questa campagna elettorale ha evidenziato nella maggioranza (è chiaro che la Lega freme, prova ne siano gli apprezzamenti poco lusinghieri che sempre più spesso Montani ed il vice sindaco esprimono nei confronti di Zacchera) ci danno il segno di cosa potrebbe essere un Piemonte abbandonato alla Lega, così piena di voglia di rivincite.


Abbiamo bisogno di un Piemonte che sappia governare, dove la politica sia al servizio dell'amministrazione, dell'organizzazione dei servizi, della pianificazione del territorio, della tutela dell’ambiente, del miglioramento della sanità, non di una Regione usata come trampolino per le proprie battaglie e per far trionfare una fazione.


Un piccolo esercizio di memoria : ci ricordiamo quante promesse sono state fatte dai consiglieri di destra durante l'amministrazione Ghigo?


Una per tutte : le promesse del già consigliere regionale Cattaneo per le circonvallazioni di Cannobio e Cannero.


Vi ricordate le foto dei tracciati? Le discussioni su dove doveva esserci l'ingresso della galleria di Cannobio?


Come al solito ci hanno fatto sognare.


Ma i risvegli dopo le promesse della destra sono sempre più simili ad incubi.


Nonostante tutto sia migliorabile (mai accontentarsi !), in questi cinque anni invece la Regione Piemonte ha dato un'immagine di serietà e di attenzione.


Meno promesse roboanti, ma un costante crescere dei servizi e dell'organizzazione del territorio regionale.


Certo la nostra provincia deve essere più considerata da Torino ed anche questo è motivo per cui è importante che personaggi con un'esperienza alle spalle e capacità di governo giungano a Palazzo Lascaris dal VCO.


Conosciamo bene i candidati locali di centro sinistra, li abbiamo visti operare e ciascuno saprà scegliere quello più giusto per rappresentarci.



In conclusione: Auguri Mercedes Bresso, noi pensiamo che sia giusto votare per te !




0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti