Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

La politica delle 2I

{jcomments off} 


 


Immagine 1


 


La politica delle 2I



La differenza è sottile, quasi impercettibile. Una è più grande, l'altra è più piccola. Una questione di pure dimensioni geometriche, si direbbe. All'apparenza, a guardarle bene, fra una i ed una I non v'è disuguaglianza alcuna. Come due sorelle vanno a braccetto, una più bassa l'altra più alta, suono e mistero d'una medesima stirpe. Ma è strano e affascinante, invece, il segreto e l'essenza delle parole che possono nascere da una stessa lettera. Prendiamo proprio le due i, giustappunto.


Se penso all'agire politico, la ricerca del bene d'una comunità, le due i in questione m'ispirano pensieri diametralmente opposti. Mi spiego meglio, o almeno provo a farlo.


Spesso chi siede al governo delle nostre città si muove secondo la politica delle 2i: scelte puntuali e precise, buona capacità d'ascolto, immediatezza nelle risposte. Il problema è che tali personaggi non lasciano il segno. E non lo lasciano, nel grande libro della storia della città, perché mancano di capacità d'immaginazione. Lungimiranza. Visioni. Capacità di lettura dei tempi. Azioni ad ampio respiro. Loro, ottimi amministratori, attenti, precisi e puntuali, governano, giorno dopo giorno, con la politica delle 2i: le loro azioni, infatti, sanno di improvvisazioni istintive. Un po' come l'arduo mestiere che incombe in capo ad un amministratore di condominio, questi ottimi governanti vanno, vengono, ascoltano, tappano, corrono, promettono. Le loro scelte paiono spesso improvvisazioni, singoli spot d'una già vista catena pubblicitaria. Le loro scelte paiono spesso istintive, dettate dall'ansia prestazionale che scaturisce da promesse elettorali. Le loro scelte paiono spesso improvvisazioni  istintive, pagine relegate al libro dell'oblio e delle buone cose fatte giornalmente, perché non sono contestualizzate in un progetto e in una visione organica più ampia. Non c'è un disegno, un'idea, un sogno, o, se volete, una mera illusione della città che sarà, o di quella che, più semplicisticamente, potrebbe essere o






0 commenti  Aggiungi il tuo



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti