Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese : La voce della città

Ricordini un corno

di Livio Serafini

Ricordini un corno
Immagine 2Alcuni amici verbalmente, altri via mail (chissà come hanno fatto ad avere il mio indirizzo...boh mistero...) mi sollecitano a scrivere
" due righe" sull' annoso e penoso problema delle deiezioni canine, o più romanticamente "ricordini", che tradotti in un italiano sincero e genuino stanno per "merde" di cane!
Scrivo malvolentieri su questo argomento essendo cosciente che qualsiasi cosa dirò, susciterà o l'approvazione di tanti cittadini ormai stufi o la condanna di chi, a priori, difende i nostri amici a quattro zampe,quindi mi limiterò a constatare lo stato dell'arte delle nostre strade.
In linea generale, trovo la nostra città molto trascurata sotto l'aspetto igienico e della pulizia, soprattutto negli ultimi tempi.
La situazione è certo dovuta in parte alla cronica mancanza di educazione civica, ma potrebbe essere decisamente superata grazie alle profumate tasse che esborsiamo.
Un conto sono il fogliame, le cartacce, le bottiglie e il ciarpame vario lasciato ovunque e anche a pochi metri dai contenitori dei rifiuti, altra cosa sono le centinaia di cacche disseminate in quasi tutte le vie cittadine, con maggior presenza lungo gli argini dei due fiumi, lasciate da mascalzoni che hanno il pregio di far guardare in cagnesco i proprietari di cani virtuosi che sono la maggioranza.
Credo che la misura è davvero colma, non possiamo più tollerare un simile degrado, esistono vie del centro in cui per transitare occorre essere dei veri campioni di slalom (odore a parte...) per non calpestare queste tracce, cosa che succede regolarmente durante lo "struscio" di sabato e domenica quando le passeggiate avvengono gomito a gomito e non hai il tempo per volgere lo sguardo a terra.
Se poi, alla sporcizia e alle cacche, aggiungiamo le cicche di sigarette e quelle della gomma da masticare, il quadro che ne esce non è proponibile per una città che dice di essere a vocazione turistica.
Cari lettori, ho gettato il sasso nello stagno sicuro di aver toccato un nervo scoperto, quindi mi aspetto i vostri autorevoli commenti possibilmente accompagnati da suggerimenti operativi evitando, se possibile, di farvi prendere dal "fottone".
Un'abbraccio a tutti voi.

Nota a margine: comunico a tutti quelli che mi hanno contattato e che ringrazio, per il sollecito, che lo scrivente rappresenta solo se stesso non essendo da anni più organico alla ex Circoscrizione Intra e che le loro giuste e sacrosante lamentele devono essere indirizzate agli attuali Consigli di Quartiere.





5 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di lady oscar ciao livio
lady oscar
19 Gennaio 2016 - 14:09
 
Annoso problema.. Come lo risolviamo? Credo che in primis chi "la tira su" dovrebbe essere incaxxato nero con chi non lo fa. Perché poi, noialtri, ce la prendiamo con tutti a prescindere. Quindi quando vedete che non lo fanno fotografate. Insultate...fate qualcosa! Passiamo oltre: Chi deve pulire la sporcizia dei cani non raccolta dai proprietari? Gli spazzini di una volta non ci sono più...li vedete voi con la scopa in mano? Ci sono le macchine e nn so se coprono i marciapiedi... E i prati? E il lungolago? Poi... Lamentarsi col consiglio di quartiere per avere che effetto??? Che cosa possono fare contro la maleducazione? Ahhhh avrei un paio di soluzioni deterrenti...ma poi mi darebbero della fascista. Alla prox Livio....
Vedi il profilo di cesare E se iniziassero
cesare
19 Gennaio 2016 - 22:51
 
Perchè non multare chi accompagna i cani " beccato " sprovvisto del sacchettino di raccolta delle cacche ?
Qualche multa sarebbe una buona medicina.
Vedi il profilo di Alessandro Papini Date a Cesare quel che è di Cesare
Alessandro Papini
20 Gennaio 2016 - 16:36
 
Proprio nel tentativo di dimostrare ancora una volta che non ho le dita scriventi a "senso unico", cioè programmate a muoversi solo per giustificare, supportare o propagandare quelle che spesso Lei definisce scelte politiche scellerate (mi libera traduzione dei suoi scritti ndr), sono quì a dire a tuta voce: Ha pienamente ragione!!!
La situazione del decoro urbano, sotto il profilo degli interventi e della loro qualità, delle figure preposte è pessima.
Dobbiamo altresì domandarci, parafrasando un noto slogan americano (JFK se non erro ne fece uno formidabile strumento comunicativo): se non siamo parte del problema, come ci proponiamo in veste di soluzione?
Mi spiego. Se non siamo noi a sporcare, o perchè non abbiamo cani o perchè siamo dei compagni/padroni sensibili e responsabili, come possiamo aiutare la parte "sporca" della cittadinanza?
La prima risposta che mi viene da dire è forse la più banale: OBBLIGANDO la parte preposta dell'amministrazione (polizia locale ecc.) ad intervenire, controllando, sensibilizzando e reprimendo i comportamenti illeciti (perchè questi sono).
La seconda risposta, forse più difficile, perchè scomoda ed impegnativa è quella di guardarci allo specchio e chiederci perchè siamo stati passivi di fronte al comportamento errato che sicuramente abbiamo innumerevoli volte visto. Abbiamo il dovere civico e morale di intervenire di persona, non solo lamentarci, chiedendo direttamente il rispetto delle regole (non sia mai che si debba chiedere di usare il buon senso) ed anche arrivare alla denuncia (alle autorità) dei comportamenti illegali. Ma tutti noi facciamo fatica ad andare fino in fondo, più semplice voltare lo sguardo epoi lamentarci perchè altri non intervengono. Io per primo e mi dispiace. Più volte ho fatto la voce grossa perchè i volontari del canile disseminano di sterco la pubblica via in quelle zone, più volte ho alzato la voce dicendo che è bello fare il volontario a passeggio senza sacchettino o voglia di pioegare la schiena.... ma poi non sono andato oltre.... si chiama omissione. vi assicuro che dopo le prime due, tre, 10 multe.... la musica cambierebbe.
PS: stessa musica per mozziconi e gomme gettate, addirittura più semplice sarebbe per le autorità.
Disponibile a continuare il discorso su qualunque livello.
Alessandro
Vedi il profilo di Alessandro Papini Per Cesare
Alessandro Papini
20 Gennaio 2016 - 16:41
 
Dimenticavo:
purtroppo non è possibile multare chi è sprovvisto di sacchettino e paletta, potrebbe giustificarsi che l'ha già fatta e quindi ha usato il sacchettino, addirittura che userebbe il fazzoletto per raccoglierla ecc. Si può punire solo l'azione obbligatoria non eseguita: il non raccogliere.
Ed è per questo che le autorità preposte fanno fatica a sanzionare questi comportamenti, difficle poterli vedere controllare in orari "canini" cioè prima di andare al lavoro, la sera dfopo il lavoro o dopo cena, per comprensibili problemi organizzativi.... però con il nostro aiuto....
Vedi il profilo di enrico ricordini un corno
enrico
25 Gennaio 2016 - 16:23
 
percorro spesso la bella passeggiata dalla Beata Giovannina alla canottieri Intra e incontro molte persone con cane al seguito e devo constatare che raramente ho visto cacche sul percorso di 6 chilometri, diversa è la storia in paese, Intra in particolare dove di "ricordini" se ne notano diversi, non so quale sia il motivo. Penso che l'educazione deve essere "aiutata" con delle multe, perché le zucche vuote non capiscono altri ...sistemi. Le zucche vuote sono molto democratiche e variegate, vi potrà capitare di vedere la cacca del cane del dottore come quella del cane dello studente o dell'operaio...a buon intenditore...alegar



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

La voce della città
25/01/2017 - "A ma rigòrdi" e AVAP
02/01/2017 - Grazie
11/09/2016 - La Ca' Rùsa
29/08/2016 - "A ma rigòrdi": precisazione
28/08/2016 - Ul Giuàn da Trubàs
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti