Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

4 aprile 2014: appuntamento mancato


4 aprile 2014: appuntamento mancato
Accipicchia, tutti presi dalla foga elettorale, ci stavamo dimenticando di un evento che si sarebbe dovuto verificare contestualmente alla festa per i 75 anni di Verbania.
Ricordate questo annuncio: “Il Centro Eventi Multifunzionale sarà inaugurato il 4 aprile 2014”.
Troppo temeraria e irrealistica la posizione dell’autore, sebbene il tono altisonante fosse in perfetta sintonia con un certo stile spesso evidenziato dalla decaduta amministrazione: quello di fare apparire ciò che non era, di ostentare certezze per coprire l'improvvisazione, di esternare messaggi fumosi .
Obiettivo toppato clamorosamente, caro ex sindaco, quello dell’inaugurazione.
In tutta sincerità, non sappiamo bene se ridere o piangere.
Da un lato ridiamo perché, essendo i lavori di costruzione del Cem ancora agli inizi, osiamo sperare che si possa correggere un’opera la cui gestione e manutenzione risulterebbero estremamente gravose per Verbania e per i suoi cittadini, dall’altra piangiamo perché abbiamo in eredità un problema che in ogni caso costituirà una patata rovente.
E come già abbiamo avuto modo di affermare tempo addietro, siamo ancora a chiederci perché, dopo essersi assunto la così grossa responsabilità di stravolgere la vicenda teatro ipotecando per certi versi il futuro della città, il sindaco non sia rimasto in gioco fino in fondo, onorando in toto questa scelta.
Tutte le tristissime e surreali beghe interne all’allora maggioranza, i cui strascichi siamo stati costretti a subire ancora di recente a mezzo stampa, ci irritano non poco perché sono indice di un malessere diffuso e di un discutibile livello qualitativo che hanno condizionato in negativo le scelte amministrative e penalizzato la città. E forse il Cem è frutto anche di questo clima.
Rancori e guerre intestine non sono sufficienti a giustificare la fuga dopo aver assunto impegni così pesanti di fronte ai cittadini.
Detto ciò, ci preoccupa constatare che non è del tutto superata la tradizione della destra verbanese di confezionare situazioni d’effetto e di presenzialismo pro consenso elettorale, a cui per ora non corrispondono convincenti e unitari supporti progettuali.
Stiano vigili gli elettori! Se sbagliare è umano, perseverare può rivelarsi oltremodo rischioso.



1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Emanuele Pedretti stravolgere o correggere?
Emanuele Pedretti
22 Aprile 2014 - 22:02
 
Più che "stravolgere la vicenda teatro" direi "dare un senso alla vicenda teatro"



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti