Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

La crisi e il commercio locale

Di Livio Serafini

La crisi e il commercio locale
"I ristoranti sono pieni e non si trova posto sugli aerei" con questo straordinario e innovativo fiuto indagatore, qualcuno ha negato l'esistenza della crisi che ci attanaglia.
La stampa quasi giornalmente ci informa sull'utilizzo di milioni di ore di cassa integrazione, di licenziamenti, di chiusure di fabbriche e negozi posizionati in massima parte nel "favoloso" nord est e addirittura dei suicidi di onesti imprenditori strangolati sì dalla mancanza di lavoro, ma anche oppressi da un fisco ingiusto.
Verbania non è esente dal subire le conseguenze della crisi, anzi a mio modesto parere ne subisce maggiormente gli effetti anche per la sua posizione geografica, quindi la crisi globale è solo una delle concause che hanno determinato questa incresciosa situazione. Abbiamo assistito pochi giorni fa alla sacrosanta e democratica protesta degli artigiani, oggi nelle vie del centro abbiamo notato un, a mio avviso, orribile manifesto funebre denunciante la drammatica situazione del commercio locale.
Non sarò certamente qui ad evidenziare l'ulteriore imbrattamento dei muri (le voci circolanti sono di questo avviso) o il non pagamento degli oneri di affissione, o peggio la ricaduta sul decoro urbano già compromesso dai "graffitari" nostrani agli occhi dei turisti che, meno male, stanno invadendo le nostre contrade. Voglio invece lanciare un invito ai commercianti a confrontarsi con il candidato Sindaco Carlo Bava sulle sue proposte e sui suggerimenti che possono giungere da loro stessi per superare l'attuale situazione di stallo.



5 commenti  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di letizia i commercianti
letizia
21 Marzo 2014 - 09:56
 
mi permetto di fare presente un altro punto di vista : i negozi di Verbania cosa vendono ? su 10 negozi, 8 vendono abbigliamento tra abiti , biancheria ed accessori, passeggiare nella ruga di Intra è una noia mortale tra mutande e canottiere, san fabiano idem . Che provassero ad offrire qualcosa di più utile ed interessante e vario .Di questi tempi forse si sceglie come spendere e di vestiti della festa ne servono meno. Insomma, guardiamo questa offerta dei commercianti e guardiamo la possibile domanda locale ed estera magari qualche idea viene in mente.
Vedi il profilo di Giuseppe Federici La crisi e il commercio locale
Giuseppe Federici
21 Marzo 2014 - 10:54
 
Che certi ristoranti tipici siano richiesti e i viaggi in aereo bisogna prenotarli per tempo, altrimenti non si trova posto, è un dato di fatto. Ciò, a mio parere risale alla specificità del servizio e trova riscontro in quanto dice Letizia. Però come si fa ad avviare iniziative diverse che sono già fagocitate dai vari supermercati ?. Non va forse a loro attribuita la concentrazione di articoli che prima erano appannaggio di tante piccole imprese ? Ed è ovvia la conseguente chiusura di tanti esercizi. Sono rimaste libere da vendere solo le "mutande" e meno male che ci hanno lasciato almeno quelle! Circa il candidato sindaco: dr. Bava, che ho visto animato da tanta buona volontà, se mi è consentito, vorrei suggerire maggiore concretezza nelle cose da fare, (come, quando, dove,con chi e con quali mezzi) perché per sognare siamo capaci di farlo anche da soli, anzi, si sogna meglio. Un cordiale saluto Giuseppe Federici
Vedi il profilo di Galilelio incompetenza ed esosità
Galilelio
21 Marzo 2014 - 12:19
 
E' arcinoto che moti negiozianti di verbania sono incompetenti, perchè hanno aperto o stanno per aprire attività commerciali, privi di esperienza e poco o per nulla conoscitori dei prodotti che propongono in vendita. Compreso il settore abbigliamento. Un pò come per gli artigiani, la maggior parte dei quali è altrettanto incompetente ed improvvisatrice. Inoltre ed infine i nostri commercianti sono molto esosi, ed anche per questo molti cessano l'attività appena cominciata. E concludo d'accordo con Letizia, quando dice che a Verbania è un susseguirsi di vetrine di abiti, biancheria intima e scarpe. Poco o nient'altro.
Vedi il profilo di letizia la vetrina delle idee
letizia
21 Marzo 2014 - 14:29
 
Ho cercato di leggere quali sono le proposte dei commercianti per risolvere il loro problema. ne ho trovata una sola : organizzare eventi musicali per attrarre sguardi alle loro vetrine di mutande. Il costo di simile operazione sarebbe a carico della comunità, quindi anche mio che le mutande le compro al mercato. Altre proposte non ne ho trovate.E allora ?
Perché non destinano una loro vetrina alle loro IDEE e alle proposte , le espongano e se ci convincono le sosteniamo Il marketing è il loro mestiere. .Anche i candidati sindaci passeggiando per la via potrebbero conoscere le istanze della categoria
Ma diano prova di BuonGusto e Cortesia lasciando gli annunci funebri alle famiglie che purtroppo un lutto l'hanno avuto davvero.
Vedi il profilo di marino turismo e commercio
marino
26 Marzo 2014 - 00:02
 
Un consiglio ai commercianti verbanesi, orario estivo con apertura a scelta ma chiusura alle ore 23.00. I turisti e noi indigeni , dopo cena potremo passeggiare e fare acquisti in una citta' in linea con tutte le realta' turistiche. Consiglio vivamente un giro sugli altri laghi. Pienamente d'accordo con l'annuncio funebre, Verbania e' morta anche per colpa vostra. A parte rare eccezioni, troviamo pessimo rapporto qualita' prezzo, cortesia sconosciuta e simpatia tipo gatto attaccato ai maroni. Discorso a parte i ristoratori, dopo le 21.30 cucine chiuse...ma nemmeno a Cinisello Balsamo son messi cosi male.



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti