Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

Uno strano silenzio che proviamo a rompere con un' interpellanza

Anche quando i Dirigenti Comunali dicono che non si può fare, questa Giunta procede incurante, come se per certe persone interesse privato e pubblico si possano sovrapporre, noi crediamo che non sia giusto e come minimo "interpelliamo" la giunta su questioni che riteniamo anomale.

Uno strano silenzio che proviamo a rompere con un' interpellanza
Immagine 1

Nel silenzio più totale in città continuano ad accadere cose "strane". La Giunta di Verbania stanzia soldi pubblici per lavori che non rivestono interesse pubblico, e questo non lo dice "semplicemente" un gruppo politico, ma è agli atti del Comune una delibera con un doppio parere negativo di due dirigenti comunali in cui è scritto a chiare lettere che per l'opera in oggetto non sussiste l'interesse pubblico.
Per questa ragione di seguito potete leggere il testo della nostra interpellanza.Al link la deliberazione di giunta oggetto della presente.

Al Presidente del Consiglio Comunale.
Interpellanza presentata dai sottoscritti Consiglieri Comunali Brignone Renato (Sinistra & Ambiente) e Ludovico Martinella (Cittadini con Voi).

OGGETTO
Deliberazioni di giunta in contrasto coi pareri dei dirigenti
Considerato
La DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 191 DEL 01/06/2017
Visti i pareri contrari dei dirigenti competenti
CIANCIOLO IGNAZIO, ha espresso, sull’atto in oggetto parere negativo in data 23/05/2017 così motivato: l'interesse pubblico avrebbe dovuto essere rilevato preventivamente in convenzione di natura edilizia mentre dalla documentazione in atti il rapporto intercorre tra privati (tim e Le Corti Srl)
CRISTINA CLAUDIO, ha espresso, sull’atto in oggetto , parere negativo in data 23/05/2017 così motivato: stante l'assenza di interesse pubblico rilevata nel parere tecnico non favorevole rilevata dal dirigente competente

Si chiede:

-perché si sia proceduto malgrado i pareri contrari dei tecnici
-quale sia il motivo di “sicurezza”
-perché sussistendo un motivo di insicurezza non si sia intimato alla proprietà di intervenire , visto che la zona è attualmente oggetto di cantiere
-non si ritiene che intervenendo il Comune in una faccenda chiaramente tra privati , possa prefigurarsi un abuso a vantaggio del privato, mancando come evidenziato dal dirigente “l’interesse pubblico”




1 commento  Aggiungi il tuo

Vedi il profilo di Giuseppa Federici Tim/Le Corti
Giuseppa Federici
22 Giugno 2017 - 16:48
 
La questione ora è più chiara- In carenza di interesse pubblico e in assenza di pericolo, il Comune non è né autorizzato né abilitato ad intervenire e gli oneri sono ad esclusivo carico delle parti private che hanno sottoscritto la convenzione.Trattandosi di intervento di natura edilizia, il Comune deve limitare il suo parere al semplice nulla osta: negativo o positivo. Il Collegio dei Revisori dovrebbe intervenire.
Giuseppe Federici



Aggiungi il tuo commento

Prima di pubblicare un tuo commento assicurati che:

• sia in tema e contribuisca alla discussione
• non abbia contenuto razzista o sessista
• non sia offensivo, calunnioso o diffamante

La redazione si riserva di cancellare qualsiasi contenuto ingiurioso, volgare, illegale o contrario alla policy.

Commenti Se accedi o ti Registri potrai visualizzare il tuo nome e ricevere aggiornamenti quando ci saranno altri commenti



captcha
CAPTCHA: Scrivi il valore visualizzato

×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti