Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

provincia

Inserisci quello che vuoi cercare
provincia - nei post
Il ruolo della minoranza - 23 Gennaio 2017 - 15:26
“Quando la maggioranza sostiene di avere sempre ragione e la minoranza non osa reagire, allora è in pericolo la democrazia.” UMBERTO ECO Forse a Verbania la democrazia non è in pericolo, ma diciamo che una certa crisi è evidente.
Interpellanza su Con.Ser.VCO - 9 Settembre 2016 - 15:11
Il tema è centrale , ma il dibattito ancora una volta è decisamente scarso
Movicentro si, movicentro no. - 27 Luglio 2015 - 19:21

Rotonde belle - 13 Maggio 2015 - 14:27
......e rotonde brutte
QUELLI DEL FARE…E DISFARE !!! - 17 Aprile 2015 - 19:02
di Marco Sconfienza
Domande a Felice Iracà - 20 Luglio 2014 - 09:35
Girovagando nell'archivio del sito “cittadiniconVoi” mi sono imbattuto in questo commento in risposta ad un altro dell’allora, ma ancora per poco, sindaco Marco Zacchera.
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Gli scheletri sulla città - 26 Febbraio 2014 - 15:00
di Giuseppe Cangialosi
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL COMITATO SALUTE VCO: assurdo l'ospedale unico a Domo - 18 Febbraio 2014 - 00:24

POSTE ITALIANE…. COSI’ NON VA - 16 Febbraio 2014 - 11:53
Per una dovuta riflessione, pubblichiamo il testo un volantino sulla situazione delle Poste Italiane che è stato distribuito nei giorni scorsi e che denuncia un assurdo disservizio che, anche a livello locale, sta diventando inarrestabile e che è il frutto di una logica basata nettamente sul profitto.
Incontro con ANDREA SACCO Presidente dell'associazione Acmos - presso il Kantiere - Possaccio - 17 Dicembre 2013 - 21:54

provincia - nei commenti
Mozione - 5 Luglio 2015 - 18:40
Turismo
Vorrei non ci si dimenticasse dello stato di abbandono della stazione ferroviaria. Come fa una città come Verbania, per giunta capoluogo di provincia, a dichiararsi luogo turistico con la stazione ferroviaria che si ritrova da circa un decennio. Roba da matti !!! Giuseppe Federici
Interpellanza consigliare - 13 Gennaio 2015 - 09:23
x Diego
Gentile Diego, nell'interpellanza non si giudica l'operato del Sindaco, se ne chiede conto. Il Sindaco di una città amministra quella città ed usa i denari dei suoi cittadini. Se un politico vuole fare gli interessi dell'intero paese si candida al parlamento, se si vuole occupare di altro territorio si candida in regione, in provincia... diversamente opera concordemente con altri amministratori, non carica la sua città di costi che non le competono (a meno che la città non sia daccordo). Personalmente credo che chiedere conto di atteggiamenti e rispetto delle regole non possa che far bene alla nostra politica affinchè certi comportamenti si riducano al minimo http://verbaniafocuson.verbanianotizie.it/n240125-monarchia-elettiva-in-che-momento-storico-siamo.htm
Commissione Lavori Pubblici - 20 Agosto 2014 - 20:51
Dove eravate?
Buonasera, questo o.d.g. mi sembra interessante,infatti dopo la rotonda e gli attuali lavori del progetto Centostazioni, il completamento del movicentro darebbe alla città,finalmente, un bel biglietto da visita a tutti i turisti che verranno a farci visita. Parlo con cognizione di causa, essendo un pendolare giornaliero che usufruisce non solo della stazione e relativi parcheggi ma anche dei disagi che quotidianamente noi pendolari subiamo da parte di Trenord. A proposito di questo alla fine di Luglio è stato organizzato un incontro tra rappresentanti di noi pendolari (Gianni Bertone e Avv. Lisa Tamaro) e Vicepresidente regione Reschigna, Assessore trasporti regione Balocco, Presidente provincia VCO, on. Borghi , sindaci di Verbania,Domodossola e di numerosi comuni interessati ai problemi dei cittadini lavoratori e studenti. Ho anche notato la Vostra assenza e quella di tutta l'opposizione attuale nel consiglio comunale. Dove eravate? Faccio parte di un gruppo Facebook,su questo tema, con oltre 1.400 aderenti ma gli incazzati sono molti di più, ma magari non hanno accesso alla rete, vuoi per età, vuoi per problemi economici. Solo a Premosello sono state raccolte 700 firme per una petizione, poi in parte accettata da Trenord. Nei vostri programmi e discorsi non ho mai sentito una parola riguardo il problema. Quindi, mi auguro che nei futuri o.d.g. del consiglio comunale oltre ai cani,streaming,plateatici e quattro posti auto ecc. ecc. si parli dei problemi dei cittadini verbanesi, tra cui quello appena esposto. Buon lavoro Mauro Cerboncini
Un appello per il Liceo delle Scienze Umane - 13 Dicembre 2013 - 16:34
Per Gualtiero... un po' di storia
L'indirizzo di Scienze Umane del Cobianchi non è stato una gentile e/o interessata concessione di Regione e provincia. Esso è nato e si è sviluppato per iniziativa di un nutrito gruppo di insegnanti che, nei lontani primi anni settanta, aveva avviato un percorso di sperimentazione di quella che avrebbe dovuto essere la nuova scuola superiore in Italia. Quel gruppo utilizzò le possibilità che i famosi Decreti Delegati del 1974 offrirono alle scuole per avviare percorsi di sperimentazione sotto il controlo del Ministero. Quella sperimentazione non si chiamava "Liceo", bensì "indirizzo", come tutti gli altri, e prefigurava, cosa che ancora oggi riesce a fare, la formazione di operatori qualificati nel campo della solidarietà, della psicopedagogia, dell'assistenza agli anziani e ai disabili e dell'integrazione. Quegli insegnanti,alcuni dei quali ancora in servizio, hanno lavorato con passione, professionalità, entusiasmo,aperti al confronto e alla continua verifica dei percorsi e dei risultati. L'affermazione poi che l'indirizzo in oggetto sia stato un "refugium peccatorum" si lascia commentare da sè (paradossalmente la cosa potrebbe essere motivo di orgoglio, dal momento che presuppone una sviluppata capacità di adattarsi a metodi di lavoro tali da affrontare e risolvere i problemi delle differenze individuali, senza mai trincerarsi dietro uno stile didattico bloccato nei secoli, come è notoriamente quello dei licei). Non mi risulta che nelle scuole verbanesi, e specificatamente nei licei, ci sia mai stata tanta voglia di sperimentare e di rinnovare quanta ne hanno espresso nei decenni la dirigenza e gli insegnanti del Cobianchi.
Un appello per il Liceo delle Scienze Umane - 13 Dicembre 2013 - 10:58
Liceo delle scienze umane
Regione e provincia hanno fatto comodo quando, grazie alla nota forza politico-mediatica del Cobianchi, indirizzi liceali venivano assegnati in esclusiva a un istituto tecnico. La lungimiranza di questa politica collusa ha portato agli squilibri che oggi vediamo: scuole che scoppiano e scuole in reggenza. E non venite a dire che l'utenza ha premiato la superiore qualità del Cobianchi: lo sanno tutti che il Cavalieri è più selettivo e che il liceo delle scienze umane è stato a lungo il refugium peccatorum degli studenti meno impegnati
RISERVA DI FONDOTOCE. E GIU' CEMENTO - 26 Febbraio 2013 - 17:57
Fondotoce
[color=purple][/color] Sono esterrefatto! In certi casi è sufficiente spostare una foglia per promuovere un finimondo di proteste, in questo caso di Fondotoce, tutti (o quasi) fanno finta di non vedere. I campeggi, rissicchiando una ...concessione alla volta, si sono appropriati di tutto il fronte lago e ora, non potendo più espandarsi in orizzontale, dalla foto risulta che stanno espandendosi in verticale. Poi salta fuori un altro campo da golf, oltre quello che è a ridosso della stazione. Quindi non ne basta uno ce ne vogliono due: per cosa farne ? per soddisfare chi? a quale prezzo? Cosa fanno gli ambientalisti? Va tutto bene per loro o hanno cambiato professione? Cosa fa l\'opposizione: al Comune, alla provincia, alla Regione? Bla,Bla,Bla! O dobbiamo invocare anche qui Grillo perchè li mandi tutti a casa? Non ho altro da dire: sono veramente sdegnato. Giuseppe Federici
LA RISERVA DI FONDOTOCE VA DIFESA - 29 Gennaio 2013 - 00:52
commento
Regionalmente parlando il Piemonte è anche definito \"terra di golf\". Nel Vco abbiamo 4 campi da golf, 5 in arrivo un altro a Santa Maria Maggiore. Vogliamo divenire una provincia golfista? Non sono sufficienti i presenti? Suvvia! Apriamo gli occhi. Perchè non iniziare a dare una svolta al nostro territorio! Se proprio il terreno in questione vuole essere utilizzato perchè non pensare a qualche sbocco per il futuro? Qualche idea che faccia bene a tutti noi? Una futura energia? Angoli a carattere rinnovabile? Qualcosa di nuovo che ci contraddistingua e faccia di noi dei portatori sani di interessi verso l\'ambiente. Non le solite strutture che possono solo portare economia al nostro territorio!
CI AVEVANO PROMESSO 8...!!! - 7 Gennaio 2013 - 15:33
all\'attenzione del Sig. Sindaco Zacchera
Riguardo alla lista delle \"diverse cose in più rispetto a quanto previsto\", potrei cominciare io: -eliminazione del servizio \"liberobus\", unico in Italia (ma non l\'eliminazione dell\'addizionale che serviva per pagarlo!); -eliminazione (di fatto) dell\'infogiovani; -eliminazione del previsto servizio di bikesharing (con la perdita di svariate migliaia di euro); -\"vendita\" del tendone sito in piazza macello (per la quale è in corso, se non sbaglio, un\'indagine della magistratura); -aumento dei parcheggi a pagamento in tutta la città a discapito dei parcheggi liberi; -aumento del tempo minimo di sosta nei suddetti parcheggi a pagamento; -abbattimento (a volte indiscriminato) di svariate piante ad alto fusto in tutto il territorio cittadino; -applicazione dell\'IMU con una percentuale tra le più alte di tutta Italia; -smantellamento dell\'Arena (costruita con fondi europei) per far posto al teatro da Lei tanto criticato prima delle elezioni, che costerà alla cittadinanza svariati milioni di euro (8 se va bene, una ventina se i lavori non finiscono in tempo e se, conseguentemente, i fondi del PISU verranno revocati); -chiusura della più importante azienda cittadina (verbanese) nell\'assoluta apatia dell\'amministrazione comunale; -ridimensionamento dell\'ospedale Castelli, sempre sull\'onda dell\'apatica sopra accennata; -sempre riguardo all\'apatia di cui sopra, la perdita dello status di capoluogo di provincia di Verbania (che potrebbe essere stato difeso meglio da chi, fio a qualche mese fa, sedeva in Parlamento); e la lista è ancora lunga. Vuole davvero che continui, Egr. Sindaco Zacchera?...
Bregenz o non Bregenz: questo non è il mio problema - 1 Ottobre 2012 - 16:24
CORRETTEZZA ?
Non fumo e mangio volentieri al sacco, ma di fondo c\'è anche un problema di correttezza formale: - ho mandato foto su Bregenz e non sono state pubblicate - hoi mandato note su Lucerna, idem - si è ironizzato sulla proposta di andare a vedere la realtà di Bregenz e si è risposto di no - si è scritto \"Il sindaco vada a vedere a Ravello\" ORA SUI DA\' IL CASO CHE IL SINDACO DI RAVELLO MI HA SCRITTO UN PO\' INDIGNATO, COPIA E\' STATA DATA A MANO DEI CONSIGLIERI COMUNALI MA NULLA E\' QUI RIPORTATO. Questa sarebbe completezza di informazione? Ecco cosa scrive quel sindaco: ............................................... Gentile Sindaco Del Comune di Verbania On. Marco Zacchera Gentile Direttore Del settimanale Ecorisveglio Andrea Dalla pina Andrea.dellapina@ecorisveglio.it Redazione La Stampa verbania@lastampa.it Sono chiamato in causa dalla querelle nata attorno alla realizzazione di un Centro Eventi nel comune di Verbania che tira in ballo il Comune di Ravello, adombrando l’inutilità del nostro Auditorium firmato dal famoso architetto brasiliano Oscar Niemeyer. Nulla di più falso e fuorviante! Per toccare con mano quanta ricaduta non solo sull’economia del paese ma anche sul nostro tessuto sociale (scuole, giovani aggregazione, cultura) sta realizzando la disponibilità di una sala polivalente di ca 400 posti in un comune con 2.500,00 abitanti e con una ricettività alberghiera di altissima qualità, basta leggere le cronache o concedersi qualche ora a Ravello e constatarne le enorme potenzialità. La struttura, oggi divenuta fiore all’occhiello del patrimonio del Comune che ho l’onore di guidare, è stata l’oggetto di dieci anni di polemiche e contrapposizioni che hanno avuto come unico risultato rallentarne la realizzazione e l’utilizzo, con incommensurabili danni all’economia del paese e la perdita di importanti finanziamenti regionali. L’Auditorium Oscar Niemeyer inaugurato nel gennaio 2011, ha cominciato sin da subito ad ospitare eventi, concerti, convegni e manifestazioni di vario tipo: nei mesi estivi è stato, assieme a Villa Rufolo, uno delle location principali del Ravello Festival. Da aprile 2012 la programmazione della Fondazione Ravello (della quale il Comune di Ravello è socio fondatore) si è arricchita di un progetto di destagionalizzazione, il “Ravello Dieci\\12” imperniata sull’Auditorium. Tale progetto è partito il 1°Aprile 2012 e andrà avanti per tutto l’autunno e l’inverno e sarà replicato nel 2013. Tantissimi gli artisti che si sono esibiti nell’Auditorium Niemeyer, da Martha Argerich ai Virtuosi dei Berliner, dall’Orchestra Giovanile di Caracas, accompagnata a Ravello da Josè Antonio Abreu che è stato insignito del Premio Ravello per i valori della cultura proprio nell’Auditorium Oscar Niemeyer, a Philip Glass fino ai Neri per Caso e Max Gazzè. Già questi nomi sottolineano la polifunzionalità e la versatilità di una struttura nata per essere un volano economico non solo per il Comune ma per tutta la Costiera Amalfitana e la provincia di Salerno. Polifunzionalità e versatilità confermata dalla rassegna cinematografica che la mia amministrazione ha promosso da dicembre 2011 fino ad aprile 2012 e che sta per ricominciare, (nei 13 comuni della Costa D’Amalfi non esiste una sala cinematografica), dalle aziende che sempre più spesso scelgono Ravello e il suo Auditorium per organizzare meeting e convegni. Grazie alla sinergia con gli enti che operano sul territorio, l’Auditorium Niemeyer sta accelerando quel processo di destagionalizzazione dei flussi turistici che solo qualche anno fa sembrava impossibile e, migliorare e qualificare ancor più l’offerta turistica nei periodi di alta stagione. Molti dei detrattori dell’opera hanno dovuto ricredersi, accettando la lungimiranza di chi ha combattuto per la sua realizzazione. Come sempre sarà il tempo il giudice delle cose. Negare ad una comunità un’opportunità di sviluppo, di occupazione, di crescita culturale quello sarebbe un reato per il quale primo
FUTURO DEL VCO E BISOGNI DELLA GENTE - 13 Settembre 2012 - 20:58
caro sig. Marco
forse non ha ben capito, qua non si tratta del \"se\" ma del \"quando\"... ormai è cosa certa che la provincia del VCO non esisterà più. E\' vero, venendo meno la provincia, verranno meno tanti uffici e tanti servizi acquisiti negli anni dell\'esistenza del VCO. Colpa di Roma ladrona? forse si, forse no, resta comunque il fatto che a Roma ladrona, i politici ce li abbiamo mandati anche noi. Quindi, un po\' di autocritica credo che non guasti. Infine, le vorrei ricordare che il discorso autonomia del VCO viene da ben più lontano degli ultimi tre anni, e anzi, negli ultimi tre anni la situazione è rimasta sostanzialmente al palo, e forse ha fatto addirittura passi indietro (basti pensare allo sconto benzina che c\'era fino a inizio anno e ora non c\'è più in molti comuni). Se poi la \"nostra\" libertà (ma nostra di chi???) rischia di essere portata via da un Paese che \"non è il mio\" (mi scusi, ma non abita in Italia?) e la \"sua\" montagna rischia di morire, non credo sia colpa dei \"cittadini\", ma credo sia colpa di chi, in questi 60 anni, non ha fatto nulla per migliorare la situazione. E qui la lista si fa kilometrica, e anche in questo caso un po\' di autocritica non guasta...
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti