Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

madonna

Inserisci quello che vuoi cercare
madonna - nei post
Comunicato stampa di fine/inizio anno - 17 Gennaio 2017 - 18:41
abbiamo cercato di essere sintetici, ma le cose da dire sono davvero tante.
Referendum contro la privatizzazione del forno crematorio - 14 Febbraio 2016 - 14:05

Vicenda casa Squassoni, progettazione urbanistica e passaggi di informazioni. - 10 Luglio 2015 - 08:12
Sappiamo davvero tutto della vicenda "casa Squassoni" di madonna di Campagna, ieri da vendere e oggi da demolire? chi ci guadagna davvero? qual è il progetto urbanistico di quella zona di città?
Concerto di organo e ciaramella - 11 Dicembre 2014 - 17:39
VERBANIA MUSICA Stagione Concertistica 2014/15 Chiesa madonna di Campagna - Verbania Pallanza DOMENICA 14 DICEMBRE 2014 ore 16
Terra FESTA DI VERBANIA CITTA' SOLIDALE - 25 Giugno 2014 - 18:20
Parco di madonna di Campagna viale Azari 115, Verbania (VB)
ULTIME TAPPE PER IL COMITATO BAVA - 22 Maggio 2014 - 00:46

Visita guidata Chiesa di madonna di Campagna - 10 Gennaio 2014 - 12:10

Pluralismo di idee per la Verbania di domani - 24 Ottobre 2013 - 11:44
Città Giardino: dai parchi alla valorizzazione del territorio. Molteplici gli spunti di riflessione, anche sulla aree industriali dismesse.
Tisane e voci dall'Africa - Serata di approfondimento sulla situazione in Africa-madonna di Campagna - 16 Ottobre 2013 - 13:48

Serata di benificenza in favore dei bambini autistici - 16 Settembre 2013 - 20:03
Presso parco di madonna di Campagna
madonna - nei commenti
Baracùn - 27 Gennaio 2016 - 19:43
Amarcord baracun
Com'è, come non è, ma i tuoi interventi vanno quasi sempre a schiacciare quel tastino della memoria che ho dentro di me. I baracconi, dunque: primi anni '60, mese di maggio, mese dedicato per tradizione alla madonna. Allora tutte le sere si andava in parrocchia al rosario ed alla benedizione. Io, con altri amici, chierichetti con tonaca, attorno al parroco sull'altare. il parroco di allora possedeva una (ora per allora) magnifica VW maggiolone azzurro sul quale, finite le funzioni, come premio per la nostra assidua partecipazione alle funzioni, ci caricava in sovrannumero e ci portava ad Intra ai baracconi. E ci pagava dei grandi giri sulle autoscontro o sul calcinculo, o sugli aeroplanini che facevano su e giù.Lui, ovviamente, non saliva: a quei tempi i sacerdoti non usavani il clergyman o vestirsi in modo da civile; con la sua bella tonaca nera stava a guardarci beato ai bordi della pista.Talora portava con noi anche sua madre e sua sorella che, nubile, gli faceva da perpetua: anche loro talora fruivano dei baracconi, specie quelli dgli specchi deformanti che tu hai ben ricordato ene uscivano, come dirfebbe Camilleri "scantate".. Permetti una digressione sul tema: durante la funzione si usava molto il turibolo per l'incensamento. Tra le pie donne che non mancavano mai una funzione ce ne era una, ricordo si chiamava Virginia, già di una certa età, che era la "capa" del coro, quella che dava l'intonazione ed il via al "Noi vogliam Dio". Tutte le sere poco prima che la Virginia in iniziasse ad intonare l'inno, il prete ci schiacciava l'occhio destro: ciò stava a significare che noi chierichetti dovevamo versare nel turibolo una quantità fantasmagorica d'incenso: per il solo gusto di ridacchiare sentendo come la Virginia iniziava a tossire. Grazie ancora una volta caro Livio, per avermi fatto tornare alla mente ricordi che avevo dentro di me ma dei quali non avevo più sentore.
Vigili urbani: prevenire o solo punire? - 28 Dicembre 2013 - 10:00
solerzia delle nostre tasche
confermo che la "solerzia" dei Vigili Urbani di Verbania sta diventando una leggenda : giorni fa in un negozio di Intra una piccola e mite Suora raccontava di avere fermato l'auto in un luogo non consono però nei pressi della effige di una madonna e segnalando con 4 frecce l'assoluta temporaneità della sosta ,i vigili subito sopraggiunti con taccuino alla mano non intendevano ragione e multavano la piccola Suora furibonda con loro( ed anche un po' con la silenziosa madonna. ) A quel punto i clienti del negozio confermavano, esempi alla mano, che con questi vigili-condor a Verbania non ci si può più fare la vita Ma ora, mi sorge un dubbio, che del comportamento scriteriato dei Vigili si debba interessare il Vescovo ?
L'AREA DEL CINEMA SOCIALE È SALVA "per ora", MA IL RESTO ? - 1 Novembre 2010 - 12:06
basta cemento
Da anni, non da oggi, penso che, anche in campo urbanistico, sia venuto il tempo della non crescita; non c\'è crescita demografica significativa da diversi lustri; non ci sono, purtroppo, prospettive di sviluppo economico della nostra zona che possano indurre a pensare a fenomeni immigrativi consistenti; l\'unica vera attrattiva del nostro territorio è la bellezza, è il suo paesaggio,così come si è andato antropizzando nei secoli (terrazzamenti, villaggi rurali, baite sparse, mulattiere, centri storici di impianto medievale, passeggiate a lago, giardini di ville storiche, ecc.). Le ferite,a volte gravissime, dell\'era del boom economico sono sotto gli occhi di tutti (a cominciare dall\'abbattimento insensato del teatro di Intra e, su altro piano, della rimozione del collegamento ferroviario/tramviario con Premeno da una parte eil Cusio dall\'altra). Ma almeno allora c\'era uno sviluppo industriale travolgente, una crescita demografica consistente, ecc. e non c\'era quasi alcuna coscienza ecologica, ambientalista. Oggi non c\'è più alcuna ragione - se non gli appetiti di alcuni privati - per continuare ad estendere il territorio urbano da un lato a ad intensificare l\'edificazione all\'interno del perimetro già urbanizzato dall\'altro. Nella mia modestissima esperienza quinquennale di cons. com. di minoranza nel mio comune (Oggebbio) mi sono battuto inutilmente (con i miei compagni di lista) per far passare questo concetto, ancor più significativo in un piccolo comune del circondario. Il problema è quello che occorre spostare il paradigma dello \"sviluppo\" dall\'interesse privato (immediato) all\'interesse collettivo e sociale (rivolto al futuro). Tutto va riletto alla luce di questo paradigma. A chi serve trasformare un\'area agricola di 7500 mq. in una nuova (ennesima!)attività commerciale? La vicinanza con la bellissima Chiesa di madonna di Campagna non farebbe pensare che sarebbe bellissimo per esempio realizzare un parco pubblico? Ma non voglio rubare altro spazio. Mi piacerebbe però che si smettesse una volta per tutte di pensare che il progresso sia sinonimo di asfalto, cemento e supermercati, e questo scusate lo dico anche a molti dell\'area del centro sinistra. Grazie per l\'ospitalità. Stefano Montani
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti