Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

lettera

Inserisci quello che vuoi cercare
lettera - nei post
Comunicato stampa - 14 Aprile 2017 - 13:43

interpellanza sul ripristino della correttezza - 29 Agosto 2016 - 17:53

lettera aperta a "La Stampa" - 29 Maggio 2016 - 16:10
Con la presente lettera, i gruppi politici "Cittadini con Voi" e "Sinistra & Ambiente" , Rappresentati in Consiglio comunale da Carlo Bava e Renato Brignone, come progetto politico "Una Verbania Possibile", informano che non saranno presenti Martedì 31 per il confronto con il Sindaco e tutte le persone da lei scelte per la gestione del CEM e ne spiegano le ragioni.
Risposta alla Presidenza del consiglio Comunale - 22 Ottobre 2015 - 12:37
La presente risposta, è stata inviata a giunta e capigruppo Consigliari, ma visto che la lettera a cui rispondiamo è stata resa pubblica, ci pare corretto rendere pubblica anche la nostra risposta.
Verbania aspetta il giro…..nel frattempo... - 19 Aprile 2015 - 12:38
di Marco Sconfienza
QUELLI DEL FARE…E DISFARE !!! - 17 Aprile 2015 - 19:02
di Marco Sconfienza
Il Sindaco continua a fare tutto da sola - 14 Gennaio 2015 - 08:53
Francamente ci sembra una situazione surreale, anche su temi fondamentali come la sanità non esiste una maggioranza che in alcun modo voglia discutere con la città . Il Consiglio Comunale dice una cosa il Sindaco fa ciò che vuole, nemmeno in commissione , dove si potrebbe e dovrebbe si aprono discussioni "unificanti"
I pensieri di Zorro - 11 Dicembre 2014 - 17:34
Riceviamo e pubblichiamo Vero o falso problema?Un invito ad allargare lo sguardo ovvero lettera aperta agli addetti ai lavori
Riceviamo e pubblichiamo: lettera aperta di Pierantonio Molinari - 23 Novembre 2014 - 22:58

CAMBIARE TUTTO PER PEGGIORARE TUTTO - 31 Ottobre 2014 - 19:13
Il nostro punto di vista sulle dimissioni di Tradigo
lettera - nei commenti
QUELLI DEL FARE…E DISFARE !!! - 18 Aprile 2015 - 09:21
commento "parziale"
Che dire, cosa commentare quando la lettera pubblicata toglie qualsiasi dubbio sulle reali condizioni della canfora che necessita soltanto di delicate e continue cure data l'importanza storica e turistica che rappresenta, confido in un ripensamento da parte di quei soggetti dalla motosega facile....per quanto concerne ii coinvolgimento dei Consiglio di Quartiere,l'atteggiamento tenuto dall'A.C. la dice lunga su come li tiene in considerazione e se proprio volete sapere come la penso , bene dico che la loro rielezione avverrà obtorto collo perchè meglio non avere tra i piedi chi potrebbe "ostacolare" le decisioni prese dalla Dittatorella
Amarcord 2 - 12 Febbraio 2015 - 20:19
Il Brusa della Croce Rossa
Nel suo "amarcord 2" Livio ha citato il Brusa della Croce Rossa. Il Brusa e mio papà erano amici. Mio papà ha sempre avuto problemi con i reni e soffriva sovente di calcosi, patologia che aveva come conseguenza la necessità di interventi chirurgiri per l'asporatazione dei sassi. In una di queste dolorose ( e lo erano davvero fisicamente) crisi doveva essre ricoverato in un ospedale di Milano,dove avrebbero dovuto anche intervenire con una plastica renale ma il posto non si trovava mai. Vedendo le sofferenze di mio padre il Brusa gli disse (il dialogo si svolese in dialetto ma io traduco) : Senti Mario preparati che io ti porto a Milano con la mia ambulanza e vedrai che ti faccio ricoverare subito; tu devi solo dire che hai un gran male e che del resto non sai niente- Mio padre, che si fidava ciecamente del suo amico Brusa, si adeguò. Partirono con l'ambulanza di allora ( un veicolo che oggi farebbe ridere) e, arrivati a Milano, il Brusa portò mio padre in....cardiologia. Lì lo lasciò solo soletto su una barella con la lettera del medico curante appoggiata sulla coperta e subito ripartì per Intra. Dopo qualche momento un' infermiera notò mio padre e gli chiese cosa ci facesse lì sulla barella, Mio padre, seguendo le istruzioni del Brusa, si lamento forte del suo mal di reni e quanto al resto disse di non sapere nulla se non che li lo aveva portato la Croce Rossa. L'infermiera lesse le carte e subito disse: -Ma lei deve andare in nefrologia, non in cardiologia!- Mio padre continuò nelle sue ( per altro vere lamentazioni) e l'infermiera provvide subito al trasloco nel reparto di nefrologia. Come fu, come non fu, il giorno dopo mio padre venne operato, gli asportarono la sua sua dose di calcoli e gli praticarono la plastica al rene, e quando fu ora fece un felice ritorno a casa. Per molti anni ,quando si incontravano con il Brusa, ridevano a crepapelle ricordando la furbata. Grazie ancora adesso caro Brusa dal figlio del tuo amico Mario.
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Capolavoro di antitesi - 2 Marzo 2014 - 16:07
Caduta di stile
mi spiace leggere nel vostro sito lettere non firmate dove si attacca il nostro partito, l'ho visto fare in queste ore da leghisti e fascisti, e si accomuni la scelta difficile e travagliata di una persona che ha scelto di lottare insieme ai comunisti senza alcun corrispettivo, senza alcuna promessa, ma forse chi ha scritto la lettera è abituato personalmente a fare ciò e quindi non riesce a comprendere che a volte le persone si ravvedono e capiscono di aver sbagliato e scelgono anche sapendo di rischiare linciaggi come quelli vergognosi che sono stati fatti del tipo "...abbiamo assistito ad ogni genere di nefandezze,compravendita di coscienze e dignità..." qui non c'è stata nessuna compravendita, noi Comunisti non abbiamo nulla in cambio men che meno poltrone o prebende da dare se non quello di lottare insieme per migliorare Verbania e per una società migliore...abbiate più rispetto
Cure per la città - 11 Gennaio 2014 - 10:54
L'importante è farsi ascoltare.
Assieme ad un "grazie " che rivolgo ad Ennio per le informazioni fornite a proposito delle modalità per entrare in contatto con i consiglieri di quartiere, mi sento di condividere ciò che ha affermato Livio nel precedente messaggio, perchè è lodevole che le lamentele dei cittadini vengano recepite dai rappresentanti di quartiere, ma non è sufficiente, altrimenti rimarrebbero lettera morta. Capisco che chi viene eletto consigliere di quartiere, lo fa gratuitamente ( almeno credo ), per cui non venga stimolato a fare di più oltre al compito di referente, ma chi si mette in gioco, se lo fa, deve poi agire per il bene comune, altrimenti poi avvertirebbe inevitabilmente un senso di propria inutilità sociale. Quindi è necessario agire, agire, agire, e la legge di equilibrio naturale compenserà in qualche modo l'interessamento del consigliere di quartiere ( anche solo la stima degli altri cittadini è da solo un buon motivo per impegnarsi ad agire).
DALLE STELLE.... - 22 Ottobre 2012 - 14:56
scuse?????
io non vaneggio, può essere che abbia interpretato che siano sue affermazioni riportate sul \"giornale del Piemonte\" pag. 13 se il sindaco se la deve prendere con qualcuno se la prenda con il giornalista, (anche lì non firmato) e comunque risponda , non è vero che a Immovilli aveva risposto che non erano trascorsi 10 anni e per legge non è previsto, e visto che si rivolge direttamente a mè, non mi ha ancora risposto ad un altra domanda \"cosa servono i parcheggi vuoti\" io sono sempre disponibile ad un confronto pubblico sull\'argomento turismo mentre lei ha anche rifiutato ( o meglio ignorati quando le abbiamo chiesto un incontro ) lettera protocollata il 18-05-2010, per cui io non devo chiedere scusa a nessuno. alegher
Bregenz o non Bregenz: questo non è il mio problema - 8 Ottobre 2012 - 15:08
restando alla lettera del Sindaco di Ravello...
...perchè nulla posso dire della mancata pubblicazione di quanto lamenta l\'Egr. Sig. Sindaco (se non che le cose da Lui dette non sono state pubblicate), mi viene la pelle d\'oca leggendo poche parole: \"La struttura, oggi divenuta fiore all’occhiello del patrimonio del Comune che ho l’onore di guidare, è stata l’oggetto di [b]dieci anni[/b] di polemiche e contrapposizioni che hanno avuto come unico risultato [b]rallentarne la realizzazione[/b] e l’utilizzo, con incommensurabili danni all’economia del paese e la [b]perdita di importanti finanziamenti regionali[/b].\". Considerando che il CEM dovrà essere terminato entro la fine del 2014 (pena il ritiro dei fondi PISU), il rischio di vedersi ritirati i fondi e quindi di dover pagare per intero l\'opera, è abbastanza reale. Non mi pronuncio sulle attività svolte nell\'auditorium di Ravello (mi fa piacere però sapere che i \"neri per caso\" siano ancora attivi, dopo anni che non li sentivo più nominare) mentre mi preme sottolineare una frase del Sindaco di Ravello: \"nei 13 comuni della Costa D’Amalfi non esiste una sala cinematografica\". Questo significa che l\'auditoruim di Ravello è stato costruito in un trritorio dove veramente c\'era la necessità di una struttura del genere, mentre se analizziamo la situazione di Verbania, il contesto è nettamente differente... basta spostarsi per pochi kilometri per trovare palazzo o sale congressi (a Stresa o all\'hotel Dino a Baveno), sale cinematografiche (adesso a Intra il cinema c\'è, finalmente, per non parlare del multisala di Castelletto), insomma, basta spostarsi di poco da Verbania per trovare quello che serve e che il CEM darebbe. E quindi vien da dire: ma che lo costruiamo a fare? Inolte una domanda giace ancora senza risposta: se il teatro di Zacchera è uguale al teatro di Zanotti (almeno così ha dichiarato l\'attuale sindaco), c\'era proprio bisogno di \"spostarlo\", con conseguente allungamento dei tempi, lievitazione dei costi (si parla di 6/7 MILIONI DI EURO che graveranno sui bilanci comunali da qui agli anni a venire), la distruzione dell\'Arena (costruita con fondi europei!!!), la mancata riqualificazione di piazza fratelli Bandiera, la mancata ristrutturazione della ex camera di commercio... insomma, perchè il teatro di Zanotti, che costava meno e aveva dei vantaggi, non andava bene e il teatro di Zacchera, che costa di più e ha degli svantaggi, invece si??? Perchè l\'idea di Zanotti non andava bene e invece quella di Zacchera (uguale nella logica ma più costosa e meno \"riqualificante\") invece si? Egr. Sig. Sindaco, se per caso legge questo post, gradirei una risposta, grazie.
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Dal Comitato pro Arena e Cinema Sociale di Pallanza - 6 Agosto 2012 - 11:43
punti di vista motivati non pregiudizi
Gli anonimi cittadini , in democrazia, nelle cose che li riguardano devono dare il loro parere.La costruzione del CEM, considerati i soldi da spendere adesso e in futuro, poichè non sono i soldi del sindaco ma della comunitù hanno diritto a dire la loro Questo non mi sembra un parere preconcetto. La lettera del comitato antiCEM eleca tutta una serie di punti precisi per motivare il no e non mi pare che dica che è contro perchè il sindaco è a favore. A tal proposito rinvio al commento molto appropriato fatto al riguardo dal Sig. Luca Scolari http://www.vcoazzurranews.tv/index.php/news-menu-2/politicamenu/6202-scolari-zacchera-imprenditore-investirebbe-sul-teatro. Per ultimo dato che il sindaco è diventato tale anche in conseguenza di una campagna elettorale contro il teatro in Piazza Mercato, questo lo obbligherebbe moralmente, secondo il mio parere, a consultare di nuovo gli anonimi cittadini. Il CEM non è il teatro; è un'opera molto più impegnativa; e quindi l'obbligo della consultazione è ancora maggiore.
ECONOMIE DI BILANCIO: SE L'INFORMAGIOVANI DIVENTA...INFORMAVECCHI - 17 Febbraio 2012 - 19:04
commento
Beh, caro mariorossi@libero.it, cosa è successo in commissione lo hanno visto tutti. E all'inizio erano numerosi. Il consigliere Immovilli avrà avuto le proprie ragioni a comportarsi in quel modo, ma almeno si è comportato coerentemente con la sua richiesta di mettere tali punti all'ordine del giorno. A questo punto quello che ci si chiede è chi è l'incapace tra il consigliere Fara (faccio presente che sulla lettera di convocazione della commissione c'è scritto chiaramente e a grandi lettere "settore di pubblica istruzione e sport", quindi i punti erano sicureamente attinenti) oppure il presidente Colombo, che ci ha convocato su temi impropri per la riunione. Se poi si vuole dire che usiamo il consigliere Immovilli, andate a dirlo a lui e non a noi, che penso che vi risponderà per le rime... Quello che traspare è che questa amministrazione è proprio allo sbando... Povera Verbania non se lo merita proprio...
"ASSOLUTISSIMAMENTE NO!" - 4 Febbraio 2012 - 13:50
parlarsi chiaro
L\'odg a cui facciamo riferimento è stato preparato con una lettera aperta ai sindaci del VCO, con l\'appello \"A.A.A. consiglieri laici cercasi\", con assemblee pubbliche partecipatissime. E con incontri sul tema, di sensibilizzazione, a cui ha partecipato Mina Welby. Inoltre ne abbiamo parlato in numerosi interventi sul web, pubblicati persino su questo sito, grazie alla preziosa collaborazione di Marco Sconfienza. Se ne è discusso perfino in una conferenza stampa pubblica, nella quale ha preso parola Marcella Zorzit, di \"Cittadini con Voi\", a favore della iniziativa. Vladimiro di Gregorio si è reso disponibile a presentare l\'iniziativa e lo ha fatto nel migliore dei modi, sfondando il muro dei tatticismi e del silenzio. Avremmo apprezzato se fosse stato presentato da qualsivoglia consigliere di qualsiasi gruppo politico (a Baveno è toccato a Simone Traveglini, in altre realtà toccherà ad altri). Delle nostre iniziative sei stato costantemente informato (anche se non hai mai partecipato) e io stesso ti ho sempre invitato, usufruendo della velocità che i social network e le mail ci consentono. Addirittura, come sai, sono stato invitato (come esterno) a riunioni della vostra lista volte a maturare una sorta di programma per la città: ebbene in quelle bozze (di cui dovresti conservare copia) era stato inserito il punto \"Verbania laica e dei diritti\". Contenente proprio la proposta istitutiva dei registri per i testamenti biologici. Dunque non è su questioni formali e procedurali che ci si può mettere a discutere ora. Ma su un contenuto ben preciso. Prendendosi le proprie responsabilità, come tocca a chiunque si assuma un impegno politico. Mentre Pisapia, De Magistris, i comuni di Torino, Firenze, Bologna (e non dimentichiamolo: Baveno) optano per la libertà di scelta, Vb dice no. E i consiglieri Zanotti e Iracà, con la loro astensione, contribuiscono drammaticamente a questo pessimo risultato.
PETIZIONE EX CAMERA DEL LAVORO IN DIRITTURA D'ARRIVO - 18 Dicembre 2011 - 10:46
il consiglio
Il Consiglio di quartiere Intra ha già valutato la situazione relativa all\'intera piazza nella riunione del 9 Settembre 2010 , il 17 Novembre 2010 con il Comitato Rione Sassonia, ed il 15 Dicembre 2010. Ha segnalato le criticità all\'Amministrazione Comunale relative alla piazza ed alla struttura con opportuna lettera richiedendo interventi adeguati per risolvere i problemi . Il Consiglio ha cosi\' operato come segno di continuità al problema già piu\' volte affrontato dall\'ex circoscrizione. Ovviamente L\'amministrazione ha ricevuto poi dal quartiere ulteriori solleciti e soddisfatto qualche richiesta , ma tanto resta ancora da fare;se come ci è stato promesso dal Pisu si potrà provvedere a migliorare la città auspichiamo che terrà in considerazione questa situazione. Il Presidente del Quartiere Intra Loredana Bazzacchi
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti