Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

grazie

Inserisci quello che vuoi cercare
grazie - nei post
"Parcheggio diffuso"? Interpellanza. - 3 Luglio 2018 - 14:05
Ma il piano parcheggi???
"A ma rigòrdi" e AVAP - 25 Gennaio 2017 - 16:04

Il ruolo della minoranza - 23 Gennaio 2017 - 15:26
“Quando la maggioranza sostiene di avere sempre ragione e la minoranza non osa reagire, allora è in pericolo la democrazia.” UMBERTO ECO Forse a Verbania la democrazia non è in pericolo, ma diciamo che una certa crisi è evidente.
grazie - 2 Gennaio 2017 - 21:45
di Livio Serafini
UNA VERBANIA PIÙ POP - 14 Ottobre 2016 - 14:15

Referendum forno crematorio: i nostri ringraziamenti - 18 Aprile 2016 - 11:40
Andare così vicini al risultato e non ottenerlo non sposta il valore politico di quanto accaduto
Dimissioni Bonzanini - 21 Marzo 2016 - 20:35

Ricordini un corno - 18 Gennaio 2016 - 21:55
di Livio Serafini
Reminiscenze - 19 Maggio 2015 - 17:07
di Livio Serafini
CASA CERETTI - 24 Aprile 2015 - 16:07
di Livio Serafini
grazie - nei commenti
Interpellanza sul canile di Verbania - 8 Dicembre 2016 - 13:22
Quanti personalismi assurdi...
Questo sindaco è arrivata all'assurdo. Non rispetta sentenze, non rispetta bandi, non rispetta le gare e sopratutto non rispetta la gente . Sta dilapidando il patrimonio del comune per due assurde prese di posizioni. Come è possibile che che si accetti tutto ciò? Veramente fuori dal mondo tollerare abusi, personalismi, arroganze e soprusi. Si dovrà far intervenire il prefetto e la procura perché Verbania sta affondando grazie all'operato di chi è irresponsabile. A cossogno la chiamavano "voglio, posso e comando" ma a verbania si dovrebbe guardare un altro film.
Ul Giuàn da Trubàs - 29 Agosto 2016 - 10:35
Ul Giuàn da Trubàs
Se non ricordo male i ragazzi gli chiedevano anche di fare la "sirena", e lui lanciava il suo urlo .. grazie per questi ricordi. Rosanna
Ul Giuàn da Trubàs - 28 Agosto 2016 - 21:14
grazie Livio
grazie Livio per aver ricordato ul Giuan da Trubas, quello che quando gli offrivano il lavoro di tagliare la legna, ( allora rigoraosamente con sega a mano, la motosega era ancora di là da venire) e gli davano la cotica per ungere la lama, si mangiava la cotica e mollava lì il lavoro.Ma la bocca sdentata era degna di un fotografo professionista: ricordo di aver visto delle sue foto, ma disgraziatamente non ricordo più dove.
Una Verbania Possibile "Turismo impossibile?" - 12 Luglio 2016 - 23:10
Dilettanti...
certo è assai grave ciò che è successo. È evidente che questa amministrazione non si cura del turismo e dei turisti. Basta considerare ciò che è avvenuto domenica in occasione del fatidico giro rosa, che non ha portato nessun vantaggio a verbania, ma solo malumore. grazie alla disorganizzazione ed alla approssimazione, i turisti hanno manifestato solo volontà di allontanarsi da verbania, città che ha avuto la nomea di essere poco ospitale. Anche fornire un minimo di informazioni in un posto comodo poteva essere indice di ospitalità, ma evidentemente tutto ciò che funziona deve essere eliminato x questa amministrazione penosa.
Referendum forno crematorio: i nostri ringraziamenti - 18 Aprile 2016 - 23:20
Responsabilità ...
il raggiungimento di un siffatto risultato non può non ritenersi positivo, tenuto conto dell'ostruzionismo posto in essere dagli amministratori di maggioranza, sindaco in testa. Una grande responsabilità circa il mancato raggiungimento del quorum è da imputarsi proprio a questi ultimi. Non è stato adeguatamente pubblicizzato, non vi è stato un dibattito pubblico, i giornali ne hanno parlato poco o niente. Pertanto grazie a chi si è speso per ottenere tale risultato. Ora auspico che gli amministratori attuali prendano atto del malcontento della gente e che cerchino di trovare una soluzione ottimale.
PAOLO TROUBETZKOY (1866 – 1938) E LA “ SASSONIA” - 14 Aprile 2016 - 18:40
eccoti 😊
Ti si legge sempre con piacere. grazie.
PAOLO TROUBETZKOY (1866 – 1938) E LA “ SASSONIA” - 14 Aprile 2016 - 11:13
casa dove nacque Paolo Troubetzkoy
Complimenti e grazie per queste notizie così precise.
IL RIONE SASSONIA PICCOLA MONTMARTRE DI VERBANIA - 11 Febbraio 2016 - 09:29
grazie Franco
Un grazie particolare all'amico Guglielmi per aver colto il lato artistico della "mia" Sassonia che .ripeto, è stata orbata per questioni assolutamente politiche del nuovo teatro,ma che in parte è stata" risarcita" con la costruenda Piazza che l'aiuterà ad uscire dall'illustre anonimato a cui la miopia politica, da sempre, l'ha condannata.
Baracùn - 27 Gennaio 2016 - 19:43
Amarcord baracun
Com'è, come non è, ma i tuoi interventi vanno quasi sempre a schiacciare quel tastino della memoria che ho dentro di me. I baracconi, dunque: primi anni '60, mese di maggio, mese dedicato per tradizione alla Madonna. Allora tutte le sere si andava in parrocchia al rosario ed alla benedizione. Io, con altri amici, chierichetti con tonaca, attorno al parroco sull'altare. il parroco di allora possedeva una (ora per allora) magnifica VW maggiolone azzurro sul quale, finite le funzioni, come premio per la nostra assidua partecipazione alle funzioni, ci caricava in sovrannumero e ci portava ad Intra ai baracconi. E ci pagava dei grandi giri sulle autoscontro o sul calcinculo, o sugli aeroplanini che facevano su e giù.Lui, ovviamente, non saliva: a quei tempi i sacerdoti non usavani il clergyman o vestirsi in modo da civile; con la sua bella tonaca nera stava a guardarci beato ai bordi della pista.Talora portava con noi anche sua madre e sua sorella che, nubile, gli faceva da perpetua: anche loro talora fruivano dei baracconi, specie quelli dgli specchi deformanti che tu hai ben ricordato ene uscivano, come dirfebbe Camilleri "scantate".. Permetti una digressione sul tema: durante la funzione si usava molto il turibolo per l'incensamento. Tra le pie donne che non mancavano mai una funzione ce ne era una, ricordo si chiamava Virginia, già di una certa età, che era la "capa" del coro, quella che dava l'intonazione ed il via al "Noi vogliam Dio". Tutte le sere poco prima che la Virginia in iniziasse ad intonare l'inno, il prete ci schiacciava l'occhio destro: ciò stava a significare che noi chierichetti dovevamo versare nel turibolo una quantità fantasmagorica d'incenso: per il solo gusto di ridacchiare sentendo come la Virginia iniziava a tossire. grazie ancora una volta caro Livio, per avermi fatto tornare alla mente ricordi che avevo dentro di me ma dei quali non avevo più sentore.
Donne e motori - 17 Novembre 2015 - 13:02
bentornato
Ci mancavano i tuoi ricordi di vita intrese. grazie 😊 metti sempre buonumore.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti