Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

ceretti

Inserisci quello che vuoi cercare
ceretti - nei post
"A ma rigòrdi" e AVAP - 25 Gennaio 2017 - 16:04

Grazie - 2 Gennaio 2017 - 21:45
di Livio Serafini
"A ma rigòrdi": precisazione - 29 Agosto 2016 - 19:17

IL RIONE SASSONIA PICCOLA MONTMARTRE DI VERBANIA - 11 Febbraio 2016 - 00:43
di Gianfranco Guglielmi
I cassetti - 6 Febbraio 2016 - 13:38
di Livio Serafini
Chiudo e passo - 17 Ottobre 2015 - 22:49
di Livio Serafini
Il Far West in Sassonia - 9 Agosto 2015 - 23:35
di Livio Serafini
CASA ceretti - 24 Aprile 2015 - 16:07
di Livio Serafini
Mostra "Tempo di lupi" - 15 Aprile 2015 - 08:43
Casa ceretti - Intra
A proposito di pericolo - 5 Marzo 2015 - 23:03

ceretti - nei commenti
CASA CERETTI - 13 Maggio 2015 - 23:28
CC
Condivido tutto su casa ceretti soprattutto il FUTURO che verrà. Per quale motivo non si vuole portare avanti l'idea originaria di Casa ceretti ?
CASA CERETTI - 27 Aprile 2015 - 16:47
Rispettiamo le volontà storiche
Speriamo che la sorte del lascito ceretti non diventi simile a quella del lascito Besozzi Benioli che prevedeva l'esistenza di una struttura dedicata all' infanzia. Ora l'asilo che era stato realizzato negli anni 70 in quell'area è stato purtroppo demolito alla faccia della volontà originaria.
CASA CERETTI - 27 Aprile 2015 - 16:41
Auspicio
Disponibile a collaborare con Livio! In quanto a Casa ceretti, auspichiamo che prevalga la saggezza e l'amore per la cultura, rispetto ad aridi calcoli utilitaristici. Questa struttura, in un quartiere storico di Intra, è una risorsa che va valorizzata e promossa con l'obiettivo di renderla fruibile a vari livelli. Sicuramente per eventi di rilievo, ma anche per esigenze del territorio legate alle attività dell'associazionismo e delle realtà culturali e scolastiche.
CASA CERETTI - 25 Aprile 2015 - 11:50
Casa ceretti
Le parole di Livio (poeta della nostra memoria storica) impone a tutti noi una riflessione. Salvaguardare e valorizzare il presidio culturale di casa ceretti è un obiettivo ed una sfida - specie dal punto di vista della sostenibilità economica - che vale la pena di essere condivisa da tutti coloro i quali, in questi anni, si sono innamorati di questo luogo ed hanno collaborato - attraverso eventi, mostre e laboratori di grande rilevanza culturale - a far crescere e realizzare il sogno di Elide ceretti, generosa benefattrice ed artista - anche in questa stagione difficile, ed avendo grandi riscontri come in occasione della mostra in corso - "Tempo di Lupi" la storia di un ritorno - inaugurata sabato 18 aprile e che vi invito a visitare (apertura: venerdì, sabato domenica e festivi dalle 10.00/13.00 e 15.00/18.30). Dite la vostra e buon XXV Aprile a tutti.
LINFA PER LA SASSONIA - 20 Maggio 2013 - 14:39
commento
Prendo regolarmente visione del Vostro sito trovandolo interessante e ricco di spunti. In questa occasione ho particolarmente apprezzato il cenno sul Quartiere Sassonia, nel quale vivo da anni, ed alle opportunità perse per dare una rinnovata dignità a questa parte troppe volte trascurata della nostra Città. Certo le occasioni non mancavano ma come spesso accade, siamo a rimpiangere di non averle sfruttate o ancor peggio di averle trascurate. Il Nuovo Teatro doveva essere la grande chiave di lettura per il rilancio del Quartiere e purtroppo sappiaamo come è andata a finire.... o meglio non sappiamo come andrà a finire!! L'ex Camera del Lavoro in totale e pericoloso abbandono, senza un "progetto di riutilizzo" che abbia il significato di questa parola. Pensiamo a cosa sarebbe potuta essere questa struttura con la collocazione al proprio interno di un museo multimediale che raccontasse la storia della nostra città e del tessuto produttivo ed economico che ha rappresentato sino a pochi anni fà. Sapevo di un interessamento da parte del Consiglio di Circoscrizione sul tema ex Camera del Lavoro, ma mi sembra che l'attenzione dovuta a questo argomento non sia stata quella che invece meriterebbe. Il termine Museo mi richiama alla mente l'altro tema introdotto dal Vostro articolo: Casa ceretti. Una parte interamente ristrutturata, praticamente mai utilizzata e la c.d. "parte nobile" che sta subendo, come la foto dimostra, un processo di lento ma progressivo degrado anche per l'avanzare di una vegetazione che fra qualche tempo oscurerà una buona parte del caseggiato e ne comprometterà forse l'utilizzo. Non parliamo poi del giardino interno..... una vera vergogna per lo stato di totale abbandono a cui è lasciato. Ho sentito parlare della collocazione, all'interno di Casa ceretti, di un "laboratorio artistico" e della possibilità che vi si svolgano dei corsi di specializzazione in arte grafica. Sarebbe un'opportunità da non lasciarsi sfuggire per la Città, per il Quartiere Sassonia e immagino per il Territorio nel suo complesso. Saputo che il tutto è demandato a coloro che oggi amministrano il Museo del Paesaggio, mi domando e domando se sarà un'altra occasione persa o se questa volta ce la faremo? Non dimentichiamoci che la Cultura, l'Arte ed il Turismo potrebbero essere il vero volano per il rilancio di Verbania.
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Anche dai nostri lettori ci giungono segnalazioni - 13 Agosto 2012 - 13:46
commento
Concordo con Livio la situazione di Casa ceretti é intollerabile!!!! E' una vergogna!!! Si mandino a casa gli amministratori del museo che da anni non riescono a porre rimedio a questo sconcio
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO - Anche dai nostri lettori ci giungono segnalazioni - 6 Agosto 2012 - 08:31
commento
Quelle di Casa ceretti è una situazione intollerabile..un magnifico lascito riattato in parte per fare delle mostre e altro, volendo..ma sicuramente sottoutizzato,la parte "abitazione" della pittrice che doveva essere destinata ad una mostra permanente dei suoi quadri(sua volontà), una caffetteria e alloggio per chi allestiva mostre ecc,come si evidenzia dalla foto versa in uno stato di totale abbandono...certo, lo sappiamo, il mantra è che mancano i soldi,però una semplice potatura fatta con la testa ,renderà l'edificio gradevole alla vista in attesa di interventi atti a renderlo fruibile secondo le volontà di Elide ceretti
UN MUSEO SENZA PACE - 14 Novembre 2011 - 10:50
Provaci tu Sam
E\' con profondo dispiacere che assistiamo a questo fallimento, come Verbanesi, come cittadini, e come soci che avevano nel tempo partecipato e sostenuto un progetto di rivalutazione del Museo del Paesaggio che aveva trovato nello spazio di Casa ceretti nuove opportunità per una offerta culturale di eccellenza. Purtroppo questa occupazione politica non ha tenuto conto che un Museo non è una caserma che andava conquistata per issare il prorio stendardo. Servono le competenze. Servono le idee. Serve una professionalità che non si improvvisa dal nulla. Si è invece fatto strame di una competenza artistica, culturale e di esperienza pluriennale, ed anche di una passione che non andavano gettate alle ortiche. Adesso, dopo le dimissioni eccellenti anche di di persone capaci, di tentativi, di ...\"Provaci tu Sam\" ci troviamo a lamentare una serie di errori e di valutazioni nefande di cui qualcuno dovrebbe prima o poi alzare la mano dicendo : \"Sono io il responsabile, è colpa mia\". Ma queste sono forse cose possibili in un altro mondo.
A SUON DI BANDI... - 12 Maggio 2011 - 10:11
Stupore
Non conosco direttamente Iracà che qualcuno in passato mi ha descritto come persona moderata. Cosa che aggiunge stupore per questo intervento del tutto fuori luogo. Forse Iracà è semplicemente disinformato sia su come stanno andando le cose al Museo da qualche mese a questa parte, sia sulle \'normali\' regole che si adottano in sessioni di cretività condivisa come quella da noi proposta per sabato a Casa ceretti. Sono a sua disposizione per informarlo meglio, potrà così farsi un\'opinione più avveduta che spero vorrà poi pubblicare ad aggiornamento della sua odierna.
MUSEO - Gli incompetenti - 7 Novembre 2010 - 13:03
l\'assessore improprio
L\'errore, deriva dalla nomina di un assessore improprio. Ai \"rapporti\". L\'esordio dell\'assessore è stato nel 2009, nel commento su Ecorisveglio di una lettera anonima, riguardante il museo. Invece di essere cestinata, come hanno fatto più serie testate. La stessa lettera anonima è stata poi letta agli amministratori del passato consiglio, in occasione di un incontro con l\'amministrazione comunale. La verifica della cultura e della sensibilità dell\'assessore improprio la faccia coloro che meglio la conoscono. Non spetta a noi.Noi vediamo i risultati di quella improvvida nomina da parte del sindaco. Ma il clima attuale, scaldato dai tentativi di \"cammellamento\" delle assemblee dei soci, dalla nomina stravagante della presidente della Croce Rossa come direttore di una delle più longeve ed importanti istituzioni della regione, i boicottaggi del nuovo consiglio, dove un importante manager aveva previsto un rapido piano di rientro economico, è senz\'altro riconducibile anche alla signora ed alle sue scelte nella rosa dei candidati di gennaio. La sua presenza, inoltre, negli uffici dell\'Ente, senza averne titolo, allontana diversi apolitici e disinteressati volontari. Quest\'amministrazione non è all\'altezza, non dobbiamo dirlo noi, ma i verbanesi tra qualche anno. La mancanza di rispetto, prima di Pizzigoni e degli ex tuttora presenti in consiglio, ora di un manager deciso ed indipendente,sono frutto di una cultura. Che è avallata dall\'alto, dal sire del \"bunga-bunga\" e dai piccoli burocrati peones locali. La Lega, rozzamente, ha però colto l\'umore popolare diffuso di aspra critica o di delusione per l\'andazzo e le scelte. Anche alla lista civica che voi rappresentate, il compito di azzerare subito questa operazione di discredito di un Ente e dei suoi amministratori, non solo allontanando l\'inutile Mantovani, ma anche rappresentando ciò che molti cittadini di ogni colore hanno già capito. Inoltre, occhio al patrimonio di Casa ceretti, se passasse al comune, poi rivenduta, farebbe lieta solo qualche immobiliare.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti