Banner: 71

riflessioni, informazioni e approfondimenti sulla realtà verbanese

caccia

Inserisci quello che vuoi cercare
caccia - nei post
caccia E SENNO - 22 Novembre 2013 - 23:49
Uccise da un cacciatore due anatre sul San Bernardino,a Trobaso. In una zona che è "Riserva di pesca", frequentata dal punto di vista ricreativo, nelle vicinanze dell'abitato. La legge lo permette e il buon senso?
caccia - nei commenti
Chiudo e passo - 21 Ottobre 2015 - 17:49
grazieeeeee
Grazie cari amici che avete la pazienza di leggermi,non sono certamente a caccia di complimenti,ma i vostri commenti mi fanno piacere e sono da stimolo alla mia memoria,che ogni tanto fa cilecca,ho già raccontato molto sulle "storielle" accadute nel mio rione,avevo scritto chiudo e passo perchè corro il rischio di ripetermi e annoiarvi ,ma mi riprometto che se mi assale qualche frangente curioso non mancherò di proporvelo. Una mia a mica mi ha consigliato di raccogliere queste titatere in un libercolo, non so se è una buona idea,sto valutando,nel frattempo vi mando un forte abbraccio
Piccole riflessioni comparative - 31 Marzo 2015 - 12:59
Il libro dei ricordi
Nominando il Fezzardi, Livio apre ancora una volta il libro dei ricordi. Fezzardi, oltre alle bici, era anche un'armeria, negozio quasi vietato ai ragazzi, ma dove accedevo accompagnando uno zio che vi acquistava polvere, pallini, capsule, borre e dischetti di cartone per le cartucce da caccia (allora quasi tutti i cacciatori avevano in casa l'attrezzatura per confezionarsi, riciclando quelle già usate, le cartucce); a noi ragazzi era concesso acquistare ferretti e vischio per catturare uccelli di piccola taglia. Solo qualche anno dopo passavamo dal Fezzari per acquistare i piombini delle carabine Diana ad aria compressa che, allora, erano in vendita senza molte complicazioni burocratiche. E già che siamo in tema ricordo l'inconfondibile profumo aromatica che si sentiva entrando nella drogheria Ratti & Caretti ( il Gaetano Ratti era molto amico di mio padre avendo fatto il militare insieme nel Battaglione Intra al Comando del poi generale Zavattaro ed insieme avevano combattuto in Jugoslavia, Grecia ed Albania e, sempre insieme, avevano condiviso ilk campo di concentramento in Germania) dove compravamo un prodotto per tingere le reti da pesca (allora molte ancora in cotone) della marca Super Iride. Ma parlo ormai di cose di 50 anni fa.
AMARCORD SASSONIA - 1 Febbraio 2015 - 11:38
vecchi giochi a Suna
Essendo 'datata' anch io ho ricordi del mio essere bambina... Dei giochi in strada. In particolare amavo le battaglie coi 'balldaccan. Ragazziiiii. Andavamo a Suna dalla Rosina, un piccolo negozietto in via partigiani -era pieno di negozi...oh, che meraviglia era!!! - a comperare la cerbottana. Era un evento. Andavamo in gruppo quando uno di noi doveva acquistarla. In cinque le riempivamo il negozio, povera donna...e che confusione per un pezzo di tubo. Comprata la materia prima arrivava la personalizzazione dell arma...ed era la parte più seria. La mia era rosso/nera, naturalmente. Chi aveva i soldi comprava l impugnatura e il mirino....gli altri si ingegnavano. Ma era bello cosi'! Ma la cosa più divertente era andare a caccia delle cartucce, i famosi balldaccan. Entravamo nei giardini di nascosto muniti di coltellini svizzeri. Qualcuno ci sorprendeva e ci prendeva a scarpate. Qualcuno ci riconosceva e ci gridava"al disi al to' pa'"! Una manciata di pallini in bocca (ma quanti ne ho inghiottiti?) , un'altra nei jeans "laura!! Non mi mettere in lavatrice I pantaloni con le palline in tasca!!!!", un grappolo appeso ai passanti dei pantaloni e via! Battaglie tra i condominii. O via contro via. O maschi contro femmine. -femmina a chi?- Qualcuno si faceva male ma i genitori non andavano a denunciare nessuno. Anzi, meglio non dirlo neanche a casa...non si sa mai. Quando ora alzo gli occhi e vedo le preziose palline marcire sulle palme sghignazzo, e penso che i ragazzi di oggi non sanno divertirsi.... Scusate la lungaggine...e' l età.
CACCIA E SENNO - 23 Novembre 2013 - 20:50
caccia sul San Bernardino
Trovo discutibile la battuta di caccia praticata dal "cacciatore" : mi chiedo dove abbia lasciato il buon senso, anche se la legge glielo consente! Sono convinta che la caccia non abbia niente di sportivo e che le due anatre uccise potevano essere sostituite da due belle bistecche,se proprio "lo sportivo" aveva fame!!!!
CACCIA E SENNO - 23 Novembre 2013 - 10:46
caccia
saggezza ed equilibrio purtroppo non sono doti comuni e non é da tutti,si sà, possederne. Ovviamente chi compie questi gesti si giusticherà dicendo che il consumo di carne é una necessità e che occorre "tenere sotto controllo" la fauna selvatica. Bhé, credo sia innutile ricordare la correlazione esistente tra sviluppo di tumori e consumo di prodotti animali, e nel secondo caso l'uomo non dimentichi che la Natura non ha bisogno della sua esistenza per organizzare il creato, ha leggi proprie alle quali, peraltro, anche lui é sottoposto.
CACCIA E SENNO - 23 Novembre 2013 - 10:26
caccia e senno
Proporrei per il presunto "sportivo" un incontro con i bambini delle scuole affinchè possa spiegare loro la nobiltà e soprattutto l'utilità del suo gesto.Penso che i loro sguardi sarebbero una punizione sufficiente.
BLACK BLOC - 23 Ottobre 2011 - 22:01
Ho la nausea a lungo termine.
Fare violenza rappresenta passare il confine tra buonsenso e demenza cerebrale, un confine che però è facilmente scavalcabile, soprattutto in una Italia, dove gran parte della popolazione ha un\'arma , nella maggior parte dei casi illegittima, ma anche disponibile. Si pensi alle numerosissime licenze di caccia, al possesso non denunciato di armi da fuoco o da taglio, al traffico criptato ma fluente delle medesime, al fatto che prepararsi una Molotov non è difficile e costa pochissimo. Ed il discorso potrebbe continuare ancora per molto. Questo per definire possibile e probabile una reazione popolare esplosiva, dove la violenza richiama violenza, e dove con la scusa di reagire ad uno stato di indifferenza dello stato di fronte alla precarietà ed allo sconforto della disoccupazione, una certa parte politica potrebbe manovrare(cosa che probabilmente sta accadendo)gruppi di scontenti per rovesciare la costituzione e riportarci nelle condizioni di dittatura. Resta però un altro fatto veramente sconfortante : non esistono alternative valide e convincenti che possano cambiare la situazione italiana. Da una parte e dall\'altra siamo in balìa di personaggi che, a cavallo delle isituzioni, stanno trattando la nostra Italia e gli italiani come pezze da piedi, senza alcuna vergogna e con infinita incompetenza, paradossalmente ed immeritatamente con stipendi e pensioni da nababbi. In conclusione: Ho la nausea a lungo termine.
×
Ricevi gratuitamente i nostri aggiornamenti